Home Blog

Grande apertura per la Festa dello Sport numero 20 con i 2138 ragazzi in gara nell’Olimpiade delle Scuole, in attesa di un weekend di prove sportive, incontri e premiazioni

0

Ben 2138 bambini, appartenenti a 114 classi e accompagnati da 226 insegnanti, hanno calcato le 53 aree sportive distribuite negli oltre 130.000 metri quadrati del Porto Antico di Genova. L’Olimpiade delle Scuole, realizzata da Stelle nello Sport e Porto Antico di Genova spa in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale, il Coni e Sport e Salute.

Al termine della mattinata di sport, tutti i giovani sportivi si sono riuniti sotto il Palco principale della Festa, per un momento di inaugurazione e saluti pieno di entusiasmo e partecipazione.

A ogni bambino, alla presenza del motociclista Christian Gamarino, è stata consegnata una medaglia di partecipazione e la merenda, offerta da Società Gestione Mercato e Panarello. Una mattinata segnata dal gemellaggio tra le mascotte Lupo di Mare, per “Genova 2024 Capitale Europea dello Sport”, con Tina e Milo per Milano Cortina 2026. Ospite della Festa dello Sport è, infatti, una delegazione Coni arrivata a Genova per promuovere Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali in programma tra un anno e mezzo nuovamente in Italia. Lupo di Mare ha inoltre accolto cittadini genovesi e turisti presso lo IAT del Comune per presentare il francobollo speciale e l’annullo filatelico di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport.

Gli atleti Luca Franchi (YCI) e Beatrice Serra (USS Dario Gonzatti) hanno tenuto a battesimo il “Progetto Smart Solar Bin” di Corepla e Amiu con l’obiettivo di lanciare un messaggio di sensibilizzazione per la raccolta differenziata partendo dall’esperienza virtuosa dei gestori degli impianti sportivi sull’onda della campagna “Giochiamo Pulito” lanciata nel 2023 insieme a Stelle nello Sport. Una giornata segnata anche dalla cerimonia organizzata dai Genova Rookies di baseball e softball per i primi 15 anni di storia sportiva e dalle finali nazionali del World Football FreeStyle Contest Genova 2024.

Dopo un venerdì con un altissimo livello di spirito sportivo, sono grandi le aspettative anche per il weekend, quando i partecipanti potranno ritirare all’infopoint l’ambito Passaporto dello Sport da far vidimare nelle varie esperienze sportive e di gioco alla conquista dei gadget ufficiali della Festa.

Il sabato si apre anche con tanti appuntamenti da segnare e partecipare, dai tornei in programma nei campi sportivi, alle premiazioni dei concorsi “Il Bello dello Sport” e “Premio Fotografico Nicali – Iren”, agli incontri intorno ai grandi temi, come “I benefici della pratica sportiva nella grande età” per gli sportivi silver presso Casa UISP o “Sport Diversità e Inclusione” organizzato da Alliance Francaise.

Grande partecipazione di pubblico a Le Village, l’area dedicata al gemellaggio con le Olimpiadi di Parigi della prossima estate che nel weekend vivrà di prove sportive, quiz e due appuntamenti – sabato alle 16 e domenica alle 12 – per imparare “La Danse des Jeux”, la coreografia ufficiale di Paris 2024 insieme al coreografo Mourad Merzouki.

Una giornata con un fitto programma di lezioni aperte a tutti di fitness, danza e discipline olistiche sui vari palchi e che si concluderà con le Finali Mondiali del Football FreeStyle Contest Genova 2024.

Organizzata da Porto Antico di Genova Spa e Stelle nello Sport, la Festa dello Sport celebra quest’anno i suoi 20 anni presentandosi più grande e più ricca di sempre: saranno presenti ben 132 differenti attività, tutte come sempre completamente gratuite e assistite da istruttori e insegnanti, distribuite in una superficie complessiva di oltre 140.000 metri quadrati.

La manifestazione ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Liguria, Comune di Genova, Sport e Salute, Coni, Cip e Ufficio Scolastico regionale per la Liguria, oltre alla storica collaborazione di Uisp e Consorzio Sociale Agorà. Fondamentale come sempre la sinergia con oltre 200 tra Associazioni ed Enti sportivi, con la presenza di tecnici e istruttori qualificati e tante “stelle sportive” pronte a incontrare e giocare con i giovani.

Celebrate le Stelle nello Sport 2024 al Galà del Porto Antico

0

Passerella di campioni al 25° Galà delle Stelle andato in scena giovedì sera alla sala Grecale dei Magazzini del Cotone.  Una serata di sport, spettacolo e solidarietà, inserita nel palinsesto di “Genova 2024 Capitale Europea dello Sport”, con la consueta dedica speciale alla Fondazione Gigi Ghirotti ETS alla vigilia della ventesima Festa dello Sport, in scena da venerdì a domenica con 132 discipline sportive inquadrate nei 130.000 metri quadrati Porto Antico di Genova.

Oscar speciali, in apertura di Galà, consegnati dagli assessori allo sport di Regione Liguria Simona Ferro e Comune di Genova Alessandra Bianchi a Mauro Ferrando e Franco Henriquet, rispettivamente per i traguardi raggiunti dalla Festa dello Sport (20 anni) e dalla Fondazione della Gigi Ghirotti ETS (40 anni).

E’ stato poi il momento del Rossoblucerchiato-Trofeo EcoEridania: gli assessori Ferro e Bianchi, insieme alla manager Caterina Giustini, si sono congratulati con Albert Gudmundsson e Manuel De Luca, mentre sul maxischermo scorrevano le immagini dei gol più belli della stagione 2023/2024. Standing ovation per  Ludovica Cavalli, stella genovese dell’Aeronautica Militare capace di centrale la finale nei 1500 ai Mondiali 2023 di Budapest insieme al tempo limite per le Olimpiadi di Parigi. Per lei l’Oscar dalle mani dal presidente ad interim di Regione Liguria Alessandro Piana.

Applausi per i tre Big, votatissimi nel Trofeo Bper. Il pallanuotista Andrea Fondelli, il canottiere Giacomo Costa e il life saver Lorenzo Omero hanno ricevuto l’oscar dal responsabile territoriale della banca Luigi Zanti e da Eraldo Pizzo. Al popolare Caimano, un premio per la straordinaria carriera (in questo periodo celebrata a Recco da una mostra) è arrivato dalle mani del responsabile area Sport di Sport e Salute Salvatore Sanzo.

Poi il vicepresidente ERG Giovanni Mondini e il mito del rugby Andrea Lo Cicero hanno premiato i Green protagonisti nel Trofeo ERG: il pilota Andrea Marsella, il cestista Gabriele Furfaro e l’amazzone Mia De Fazi. Lo Cicero, 103 presenze in Nazionale, ha ricordato la storica meta segnata allo stadio Ferraris nel 2000 contro la Nuova Zelanda. Oscar speciale per il campione di Rugby dal presidente AMIU Giovanni Battista Raggi.

Il premio 2024 di SportAbility è stato consegnato dal membro del CDA di Fondazione Carige Andrea Rivellini a Simona Bianchi e al team My Sport Special per il valore dell’attività inclusiva condotta nell’impianto natatorio di Piscine Sciorba.

Momento di risate sane con Bruciabaracche, con Andrea Possa e Andrea Di Marco, prima di passare al premio al Trofeo Villa Montallegro: applausi per la spadista Anita Corradino e la vogatrice Ilaria Bavazzano, premiate dall’amministratore delegato Francesco Berti Riboli e dalla campionessa mondiale e medagliata olimpica Margherita Granbassi. Oscar alla carriera anche per la popolare fiorettista, premiata dal Sindaco di Genova Marco Bucci, al termine di un’ampia pagina dedicata alla Scherma, ai Tricolori Giovani e Cadetti 2024 e agli Europei Assoluti 2025, con gli interventi del presidente federale Paolo Azzi, del presidente del COL Beppe Costa e del presidente regionale Giovanni Falcini.

La pattinatrice Caterina Congiu e la judoka Giulia Bonzano hanno ricevuto l’Oscar da Fabio Bucchioni, manager di PSA Italy, e da Mauro Ferrando, presidente Porto Antico spa. L’emergente martellista Tommaso Mondello e il campione di padel Pietro Giovannini sono stati premiati dal manager Stefano Pitto e dal presidente Coni Liguria Antonio Micillo nell’ambito del Trofeo Cambiaso Risso. Grande chiusura con le società più votate nel 2024: le regine del Trofeo Novelli 1934, USS Dario Gonzatti, Ogawa Ginnastica e TC Finale, hanno raggiunto il palco con gruppi numerosi e sono stati celebrati dal general manager Alessandro Casto insieme al presidente Coni Liguria Antonio Micillo.

Con la carica dei 2000 alle Olimpiadi delle scuole si apre al Porto Antico la 20^ Festa dello Sport

0

 

Sarà la carica dei duemila partecipanti alle Olimpiadi delle scuole ad aprire domani al Porto Antico di Genova la ventesima edizione della Festa dello Sport. Dopo le “anteprime” di oggi, la Baby Maratona e, in serata, il 25° Galà delle Stelle nello Sport, la Festa prende ufficialmente il via con 100 classi provenienti da tutta la Liguria che si cimenteranno in mattinata nelle più svariate discipline e subito dopo le gare, sul palco Mandraccio alle 12:20,  si svolgerà la premiazione di tutti i piccoli atleti, alla presenza degli assessori allo Sport del Comune di Genova e della Regione Liguria. Alessandra Bianchi e Simona Ferro, del presidente di Porto Antico di Genova Mauro Ferrando, del presidente di Coni Liguria Antonio Micillo, del coordinatore ligure di Sport e Salute Michela Carfagna e del campione di motociclismo Christian Gamarino.

 

Non poteva esserci apertura più appropriata per celebrare Les Jeux Olympiques et Paralympiques Paris 2024, che saranno al centro de “Le Village Paris/Genova 2024”, realizzato da Alliance Française de Gênes e Ambasciata di Francia in Italia. Tutta l’area di Calata Gadda verrà trasformata in un inedito villaggio olimpico nel quale si potranno fare giochi, gare e anche quiz, tutto ispirato ai giochi olimpici che si volgeranno quest’anno a Parigi.

Alla Festa ci saranno anche le “mascotte” delle Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Milano Cortina 2026, gli ermellini Tina e Milo, in una sorta di gemellaggio con Lupo di Mare, la mascotte ufficiale di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport.

Già nella prima delle tre giornate, venerdì 24 maggio, sarà possibile per tutti cimentarsi  in tutte le  discipline presenti e si aprirà ufficialmente il programma degli eventi sui vari palchi della Festa, in piazzale Mandraccio, in Piazza delle Feste, sul Palco Fitness, sull’Isola delle Chiatte, sui vari campi e nei vari stand…

Ecco il programma della giornata di venerdì 24:

ORE 9.00        Olimpiade delle Scuole

ORE 11.00      Seminario “Lo Sport per il benessere mentale” – Casa UISP modulo 8 Magazzini del Cotone

ORE 12.00      Genova 2024 incontra Milano-Cortina 2026: gemellaggio delle Mascotte – Piazzale Mandraccio

ORE 12.20      Premiazione Olimpiade delle Scuole e Inaugurazione Festa – Palco Mandraccio

ORE 14.00      “Lo Sport chiama a raccolta”. Presentazione del progetto Corepla – Stand Amiu – Piazzale Mandraccio

ORE 15.00      Presentazione francobollo e annullo filatelico Genova 2024 Calata Falcone  Borsellino presso il Punto Informazioni IAT del Comune di Genova

ORE 15.00      Quiz interattivo sulla storia dei giochi olimpici e paralimpici – Le Village, Calata Gadda

ORE 15.00      “Primi Calci”: torneo Figc Sgs – Piazza Caricamento

ORE 15.00      “Torball” con Panathlon Club Genova Levante – Area Decathlon

ORE 18.00      Rookies: 15 anni di baseball a Genova – Piazza delle Feste

ORE 18.00      Quiz interattivo sulla storia dei giochi olimpici e paralimpici – Le Village, Calata Gadda

ORE 20.00      World Football FreeStyle Contest Genova 2024 – Palco Mandraccio

ORE 21.00      Rassegna Nazionale Città in Danza – Piazza delle Feste

 

Organizzata da Porto Antico di Genova Spa e Stelle nello Sport la Festa dello Sport celebra quest’anno i suoi 20 anni presentandosi più grande e più ricca di sempre: saranno presenti ben 132 differenti attività, tutte come sempre completamente gratuite e assistite da istruttori e insegnanti, distribuite in una superficie complessiva di oltre 140.000 metri quadrati.

La manifestazione ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri di Regione Liguria, Comune di Genova, Sport e Salute, Coni, Cip e Ufficio Scolastico regionale per la Liguria, oltre alla storica collaborazione di Uisp e Consorzio Sociale Agorà. Fondamentale come sempre la sinergia con oltre 200 tra Associazioni ed Enti sportivi, con la presenza di tecnici e istruttori qualificati e tante “stelle sportive” pronte a incontrare e giocare con i giovani.

SOLIDARIETÀ

È come sempre uno dei valori portanti della Festa dello Sport che rinnova la propria missione a sostegno della Fondazione Gigi Ghirotti con la tradizionale raccolta fondi e diverse iniziative a supporto della “storica” realtà, fondata e presieduta dal Prof. Franco Henriquet, che festeggia il suo 40° anno di attività. Tutti i partecipanti possono acquistare presso lo stand di Stelle nello Sport un biglietto della Lotteria per la Ghirotti (5 euro) con in palio una magnifica crociera nel Mediterraneo per due persone a bordo di Msc World Europa.

 

BASKO MAIN SPONSOR

La Festa dello Sport può contare quest’anno sul sostegno di BASKO che, in qualità di MAIN SPONSOR, ha lanciato per l’occasione la speciale iniziativa “BASKO IN FESTA PER LO SPORT” che prevede premi per le Associazioni Sportive Dilettantesche e organizzerà sabato (ore 16,30) una gustosa merenda per tutti i bambini.

Sono partner ufficiali della Festa dello Sport Amiu, Decathlon, Latte Tigullio, Synlab.

GOLD SPONSOR DI STELLE NELLO SPORT

Al fianco di Stelle nello Sport, sostengono la Festa dello Sport Fondazione Carige, Erg, Bper, Iren Luce Gas e Servizi, Montallegro, Eco Eridania, Cambiaso Risso, MSC, Psa Italy e Novelli 1934.

Venerdì e sabato sera al Porto Antico l’International Football Freestyle Contest. In gara i migliori 21 performer del mondo

0

Ci sarà Anastasia Bagaglini, campionessa mondiale di calcio freestyle. Ci saranno i migliori performer al mondo. Tutto pronto per l’International Football Freestyle Contest Genova 2024, la sfida internazionale dei migliori atleti di calcio freestyle che si terrà venerdì e sabato sera al Porto Antico, sul palco della Festa dello Sport, nell’ambito di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport.

L’Italia in tandem… alla cieca alla Festa dello Sport

0

Domenica 26 maggio pomeriggio arriverà a Genova dal levante ligure Giusi Parisi, 35 anni, cieca dalla prima infanzia, originaria della Puglia e stabilmente residente a Milano, una delle fondatrici non vedenti del progetto “Ragazze in Tandem”, per completare, a bordo del suo tandem, il giro dell’Italia iniziato l’anno scorso; questa volta ha iniziato a pedalare il 25 aprile da Reggio Calabria, percorrendo la suggestiva Ciclovia dei Parchi, per poi spostarsi sulla costa tirrenica, con qualche deviazione nell’entroterra per toccare località significative, risalendo fino a Torino e terminando il 4 giugno a Milano.

L’esordio dell’AIA di Genova alla Festa dello Sport

0

La Sezione AIA di Genova, all’interno dello stand allestito alla Festa dello Sport 2024 nei Moduli ai Magazzini del Cotone, propone di offrire ai partecipanti alla manifestazione coinvolgenti attività per poter vedere da vicino il mondo dell’arbitraggio in modo che magari un domani lo scelgano come sport.

Brillano le “Stelle nello Sport” al Porto Antico di Genova per la 20a Festa dello Sport

0

Cinque mesi di intensa attività nelle scuole e al fianco delle federazioni e associazioni sportive, con numeri da record. Stelle nello Sport è pronto a fare “festa” al Porto Antico, anche per celebrare 25 anni di emozioni, cultura sportiva e solidarietà. Il progetto è promosso con il sostegno di Regione Liguria e Comune di Genova, in partnership con Fondazione Carige, Camera di Commercio e Porto Antico di Genova, sotto l’egida di Sport e Salute, Coni e Cip in Liguria. Edizione speciale quella del 2024, inserita nel calendario di “Genova Capitale Europea dello Sport”.

Stelle nello Sport TV – 25° Anno – Puntata 38

0

Trentottesimo appuntamento 2023-2024 con il Magazine Tv di Stelle nello Sport in prima serata su Primocanale.  Appuntamento Giovedì alle ore 19:45. Appuntamento in Tv anche il Sabato alle ore 15 e  la Domenica alle ore 11:30.

Il bello dello sport in Liguria raccontato da Michele Corti e Marco Callai con il supporto della redazione di LiguriaSport.com. Eventi, campioni, novità, storie. Un viaggio tra le eccellenze dello sport ligure a cui Stelle nello Sport dedica per il 25° anno una importante visibilità.

Festa dello Sport: da venerdì a domenica al Porto Antico con 132 attività sportive. Parlano Mauro Ferrando (Presidente Porto Antico spa), Luisella Tealdi (Responsabile Eventi Porto Antico spa), Simona Ferro (Assessore Sport Regione Liguria) e Alessandra Bianchi (Assessore Sport Comune Genova).

Venerdì e sabato il World Football Freestyle Contest illumina il Porto Antico. Scopriamo tutto con Paolo Rossi (Organizzatore World Football Freestyle Contest). FIV, I-Zona e Guardia Costiera alla Festa dello Sport insieme per una esercitazione di simulazione di naufragio. Il racconto di Maurizio Buscemi (Presidente I-Zona FIV).

 “Emofilia e sport”: i benefici dell’attivita fisica in sicurezza con Vita, il progetto illustrato da Sergio Mori (Presidente Centro Polisportivo Vita), Claudio Molinari (Ospedale Gaslini e Università di Genova), Carola Falconi (Centro Polisportivo Vita) e  Anna Paola Pastorino (Ospedale Gaslini). Focus sul 34° Torneo “Genova Città di Colombo” insieme a Rosario Valastro (Presidente Marassi Judo), Simona Ferro (Assessore Sport Regione Liguria) e Rachele Paris (Marassi Judo). Auxilium Basket nel segno di Yuri e suor Clara, un torneo sostenuto da Iren e Stelle nello Sport e rivissuto nelle parole di Peppe Fusco (Responsabile PGS Auxilium Basket). Ad Alassio e Albenga il Trofeo dei Territori “Aequilibrium Cup” 2024, ci dice tutto Anna Del Vigo (Presidente FIPAV Liguria)

Il 25° Galà delle Stelle su Primocanale e Primopiano

0

Il 25° Galà delle Stelle, che si terrà giovedi 23 maggio a partire dalle 20:30 alla Sala Grecale dei Magazzini del Cotone, godrà di ampio spazio sul media partner Primocanale.

I Genova Rookies celebrano 15 anni di baseball e softball alla Festa dello Sport 2024

0

Venerdì 24 maggio, in occasione della prima giornata della Festa dello Sport, vetrina importante per lo speciale compleanno dei Genova Rookies.

Giovedì 23 maggio la Giornata Mondiale delle Tartarughe

0
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In occasione della Giornata Mondiale delle Tartarughe, celebrata ogni anno il 23 maggio, il progetto LIFE URCA PROEMYS, che ha lo scopo di favorire la conservazione di Emys orbicularis in Italia e Slovenia, propone degli speciali approfondimenti sulla testuggine palustre e la sua conservazione.

La Festa dello Sport compie 20 anni. Dal 24 al 26 maggio un’edizione “olimpica” in onore di Genova Capitale Europea dello Sport

0

È tempo di Festa dello Sport. Da venerdì 24 a domenica 26 maggio, al Porto Antico di Genova, protagonista sarà l’evento che promuove lo sport e i suoi valori fondamentali.

In occasione di Genova Capitale Europea dello Sport la manifestazione organizzata da Porto Antico di Genova Spa e Stelle nello Sport compie 20 anni e si presenta più grande e più ricca di sempre: quest’anno saranno presenti ben 132 differenti attività, tutte come sempre completamente gratuite e assistite da istruttori e insegnanti, distribuite in una superficie complessiva di oltre 140.000 metri quadrati.

La Festa dello Sport può contare sui patrocini di Regione Liguria, Comune di Genova, Sport e Salute, Coni, Cip e Ufficio Scolastico regionale per la Liguria, oltre alla storica collaborazione di Uisp e Consorzio Sociale Agorà. Fondamentale come sempre la sinergia con oltre 200 tra Associazioni ed Enti sportivi, con la presenza di tecnici e istruttori qualificati e tante “stelle sportive” pronte a incontrare e giocare con i giovani.

“Festa dello Sport – afferma il presidente di Porto Antico di Genova Spa  Mauro Ferrando – è un evento emblematico del valore dello sport nella nostra città. Genova e la Regione Liguria, protagoniste a livello europeo in due anni consecutivi, sono il riconoscimento  delle capacità organizzative, delle tradizioni sportive e dei risultati delle nostre società sportive e dell’unicità dei luoghi e delle strutture a disposizione per ospitare eventi capaci di richiamare un vasto pubblico. Facendo riferimento solo alle aree gestite da Porto Antico di Genova, in questo mese di maggio si concentrano la 39^ edizione del Torneo Ravano, appena concluso nel padiglione Jean Nouve,l e per il quale non ringrazieremo mai abbastanza la famiglia Mantovani,  e in questo prossimo lungo finesettimana la Festa dello Sport nello scenario del Porto Antico e i campionati italiani giovani e cadetti di scherma sempre nel padiglione Jean Nouvel. Il nostro impegno è una costante nel tempo, perchè sport è partecipazione, inclusione e condivisione. A qualsiasi livello si pratichi”.

UNA FESTA OLIMPICA

Sarà una Festa davvero “Olimpica”: dopo anni di crescita è pronta un’edizione super dell’Olimpiade delle Scuole che, sotto l’egida dell’Ufficio scolastico regionale, permetterà a 2.000 studenti di oltre 100 classi, in arrivo da tutta la Liguria, di cimentarsi nelle più svariate discipline sportive nella mattinata di Venerdì 24 Maggio. Ogni studente partecipante all’Olimpiade delle Scuole riceverà la merenda e una preziosa medaglia perché alla Festa dello Sport saranno tutti vincitori (premiazioni ore 12,20 sul palco nel Piazzale Mandraccio).

E le Olimpiadi saranno al centro anche de “Le Village Paris/Genova 2024”, realizzato da Alliance Française de Gênes e Ambasciata di Francia in Italia per celebrare Les Jeux Olympiques et Paralympiques Paris 2024. Tutta l’area di Calata Gadda verrà trasformata in un inedito villaggio olimpico nel quale si potranno fare giochi, gare e anche quiz, tutto ispirato ai giochi olimpici che si volgeranno quest’anno a Parigi.

Alla Festa ci sarà anche la “mascotte” delle Olimpiadi di Milano Cortina 2026 in una sorta di gemellaggio con Lupo di Mare, mascotte ufficiale di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport.

“Dopo aver festeggiato i 25 anni di Stelle nello Sport, nell’anno di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport –dichiara Alessandra Bianchi, assessore allo sport e turismo del Comune di Genova – celebriamo un altro traguardo prestigioso: i 20 anni della Festa dello Sport. Il Porto Antico è pronto a trasformarsi nella più grande e affascinante palestra a cielo aperto d’Italia grazie a una speciale manifestazione entrata stabilmente nel cuore dei genovesi. Dalla Festa dello Sport sono iniziate tante storie di campioni ma soprattutto moltissimi bambini e ragazzi hanno potuto approcciare e conoscere centinaia di attività sportive. La promozione della cultura sportiva, il coinvolgimento dei giovani e delle scuole, con una innovativa e partecipatissima Olimpiade, sono da sempre al centro della Festa dello Sport ma anche al centro del nostro progetto come Capitale Europea dello Sport. Sarà una Festa all’insegna della condivisione, dell’entusiasmo e dell’inclusione, con anche Lupo di Mare, mascotte di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport, pronto ad incontrare Tina e Milo i “colleghi” delle Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Milano e Cortina 2026”.

“La Festa dello Sport – sottolinea Simona Ferro, assessore allo sport di Regione Liguria – da esattamente vent’anni rappresenta un’occasione unica per migliaia di giovani liguri, che grazie alla presenza di società e federazioni possono conoscere nuove discipline e imparare i valori dello sport. L’evento promosso da Porto Antico Spa e Stelle nello Sport cresce di anno in anno diventando sempre più inclusivo e attrattivo: nel 2024 la Festa è assoluta protagonista all’interno di Genova Capitale Europea dello Sport, ma posso già annunciare che anche nel 2025, anno in cui la Liguria sarà regione Europea dello Sport, questa manifestazione sarà uno dei fiori all’occhiello del nostro palinsesto”.

“Vent’anni dopo – aggiunge Luisella Tealdi, responsabile eventi di Porto Antico di Genova Spa – il segreto della Festa dello Sport non è più un segreto per nessuno: è la passione, che muove tutti noi a organizzare questo evento sempre più grande, sempre più affollato e soprattutto sempre più amato. Vent’anni dopo, la passione è ancora viva e gli obiettivi sono quelli dell’inizio: diffondere la cultura dello sport, condividere emozioni, superare le differenze per stare insieme.”

“La Festa dello Sport è un momento magico – Michele Corti, presidente Stelle nello sport – in cui l’intero mondo sportivo genovese e ligure si ritrova per promuovere lo sport ei suoi valori. Per Stelle nello Sport è il coronamento di un lavoro quotidiano lungo l’intera stagione sportiva. Celebriamo le “stelle” al Galà ma anche i vincitori dei numerosi progetti, dal concorso scolastico al premio fotografico. Con i Campioni portiamo nelle scuole la cultura sportiva e siamo orgogliosi di regalare a oltre 2000 ragazzi una vera e propria Olimpiade in un villaggio sportivo unico come quello del Porto Antico. Dopo l’evento per i nostri 25 anni a Palazzo Ducale con la presenza di Giovanni Malagò e il lancio del Docufilm sul nostro percorso, sarà emozionante festeggiare i 25 anni di Stelle nello Sport con un grande show sul palco della Festa. E per migliaia di giovani sarà emozionante poter incontrare le grandi “stelle sportive” che anche quest’anno scenderanno in campo nel segno di Genova Capitale Europea dello Sport”.

GIOVEDÌ 23 MAGGIO, LE ANTEPRIME

Due le anteprime che “amplieranno” le tradizionali giornate della Festa dello Sport. Giovedì 23 Maggio a “scaldare” l’entusiasmo dei più piccoli sarà la Baby Maratona (inizio corsa ore 9,30) e, in serata, alle 20,30, il Galà delle Stelle nello Sport che compie 25 anni e celebra i migliori sportivi liguri a livello internazionale nel magnifico scenario dei Magazzini del Cotone. Dai “big” Gudmundsson, Fondelli e Corradino fino ad arrivare ai giovanissimi talenti che saranno premiati da grandi “legend” dello sport internazionale (prenotazione obbligatoria a info@stellenellosport.com).

 

VENERDI’ 24 MAGGIO

È la giornata delle scuole, inizia con le Olimpiadi delle Scuole e prosegue tutto il giorno fino ad arrivare alla Festa dei 15 anni dei Rookies alle h. 18 e al Gala della Danza UISP alle 20,30, tutto in Piazza delle Feste.


SABATO 25 E DOMENICA 26 MAGGIO

Dalle h. 10,00 alle 19,00 migliaia di sportivi di tutte le età potranno mettersi alla prova nelle discipline più tradizionali e in tutte quelle più originali e innovative.

Tante le attività previste sul campo di calcio allestito dalla Lnd Liguria in piazza Caricamento, mentre l’area della Federtennis si amplia al Mandraccio con tennis e padel su due campi. Prove di velocità nell’area della Federazione Atletica leggera, ma anche il ritorno di ciclismo e golf, la novità del “Blood Bowl” con il Tilean Team Cup 2024, il football americano e il ritorno alla grande dell’arrampicata con ben due pareti a disposizione dei più coraggiosi. Al fianco dei Gruppi Militari da sempre presenti con le loro attività (Esercito con l’arrampicata, Polizia di Stato con la carrucola, Carabinieri con arti marziali e Guardia di Finanza con remoergometri) ci sarà l’Aeronautica Militare con un vero simulatore di volo che farà provare ai ragazzi emozioni straordinarie.


SHOW ED EVENTI

Ricchissimo il programma delle esibizioni da ammirare. Sul Palco principale al Mandraccio si alterneranno più di 50 Associazioni sportive con almeno altrettante discipline coinvolte. Ritorna il venerdì lo storico appuntamento con il Palio Remiero delle scuole, al Modulo 7 dei Magazzini del Cotone ci sarà anche una speciale “Camera Immersiva” realizzata da ETT per celebrare 25 anni di imprese firmate dalle stelle sportive della Liguria.

Entusiasmo “non stop” con le lezioni gratuite a ritmo continuo di fitness sul Palco del Millo e sulla sognante Isola delle Chiatte.

In Piazza delle Feste sono in programma le premiazioni dei contest di Stelle nello Sport (sabato ore 11,00) con i protagonisti del concorso scolastico “Il Bello dello sport” (10.317 elaborati) e i vincitori del “Premio Fotografico Nicali – Iren” (437 foto). A seguire il tradizionale Auxilium Day (ore 14,00) e la Festa della Ginnastica FGI (ore 16,30) in cui saranno ospiti d’onore le “farfalle” della ginnastica ritmica italiana. In serata il Galà delle Arti Orientali Uisp (ore 20,30).

Intensa anche la domenica, con Stelle nello Sport che a partire dalle 12,30 festeggerà i suoi 25 anni di vita con altrettante spettacolari esibizioni sul palco, con il Trofeo Uisp di Judo in mattinata e gli show di pattinaggio (ore 14,00) e Danza sportiva FIDS (ore 16,30).

Da non perdere le evoluzioni degli atleti della Rad Asd MTB, affiliata al Centro Sportivo Italiano di Genova, che si esibiranno sabato e domenica (dalle 16 alle 19) nel “freestyle show” lungo la via dei Magazzini del Cotone. Grande attesa per Il Miglio Blu, gara podistica competitiva di Km 1,609 che si svolge la domenica mattina intorno ai Magazzini del Cotone (ore 9) seguito dal Mini Miglio per i più piccoli. Sabato intenso con le emozioni della Jet Ski Therapy e una novità assoluta: FIV, I-Zona e Guardia Costiera promuoveranno alla Festa dello Sport una esercitazione di simulazione di naufragio. Domenica (ore 17,00) è atteso l’arrivo di Giusi Parisi, ciclista non vedente, che ha attraversato l’Italia con il suo progetto “L’Italia in Tandem”.

TESTIMONIAL

Al Galà delle Stelle saranno presenti tre legend del calibro di Margherita Grambassi, Andrea Lo Cicero ed Eraldo Pizzo, straordinari campioni di scherma, rugby e pallanuoto. Nel venerdì dedicato alle scuole scenderanno in campo Salvatore Sanzo (olimpionico di scherma), Roberta Bianconi (olimpionica di pallanuoto) e Gianfilippo Mirabile (campione paralimpico di canottaggio). Sabato 25 alla Festa arriveranno due “stelle” del calibro di Silvia Salis (vicepresidente vicario del Coni) e Francesco Bocciardo (tre volte oro paralimpico di nuoto). Da non perdere l’esibizione delle farfalle della ginnastica ritmica Elisa Blanchi, Andreea Stefanescu e Martina Santandrea (sabato ore 16,30 sotto il tendone) e dei campioni di Bmx Ramon Francesconi, Lucas Vega, Danilo Verga e Simone Santoni. Domenica (ore 12,30) sul palco al Mandraccio saliranno Edoardo Stochino (legend del nuoto di fondo) e Maggie Pescetto (campionessa di kite surf qualificatasi per le Olimpiadi di Parigi 2024).

PROGETTI

Luogo di incontro, gioco e lancio di nuove iniziative, la 20ª Festa dello Sport accoglierà la presentazione del progetto “Lo Sport chiama a raccolta” promosso da Corepla e Amiu (venerdì ore 14,00). Presso lo IAT del Comune di Genova al Porto Antico sarà presentato il francobollo e l’annullo filatelico di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport (venerdì ore 15,00).

Il Liceo King di Genova organizzerà workshop per docenti di tutta Italia sulla “Sport education” dove si affronterà il tema di come coniugare sport e didattica disciplinare nel mondo della scuola, attraverso la tecnologia, la comunicazione. Al Modulo 7 anche dimostrazioni di come le competizioni robotiche diventino vere competizioni sportive con i valori connessi. Parallelamente, l’Associazione Side by Side promuove l’incontro “Sport, Diversità, Inclusione” con rappresentanti di istituzioni, associazioni e sportivi che si ritroveranno insieme (sabato ore 14,30) per celebrare il valore dello Sport in tema di diversità e inclusione. 

Ospiti della Festa saranno anche gli 800 ragazzi arrivati da tutta Europa (domenica ore 10) per l’inaugurazione dei Giochi Internazionali della Gioventù Salesiana organizzati da PGS mentre nelle due serate di venerdì e sabato a tenere banco sarò lo spettacolo del calcio acrobatico con il “World Football Freestyle Contest Genova 2024” organizzato dalla Asd Live Freestyle Genova di Paolo Rossi con campioni in arrivo da tutti i continenti.

INCLUSIVITÀ E SOSTENIBILITÀ

Per tutti i bambini sarà in distribuzione (nelle giornate di sabato e domenica) il tradizionale PASSAPORTO DELLO SPORT, il “documento” che accompagna i giovani sportivi attività dopo attività, e che consente di conquistare gadget, premi, attestati di partecipazione…

Quest’anno insieme al PASSAPORTO i bambini riceveranno anche un “AMICOBICCHIERE”, il bicchiere in edizione speciale con i colori e il logo della Festa da utilizzare per dissetarsi nelle 8 FONTANE distribuite in tutta l’area del Porto Antico e da conservare come ricordo.

SOLIDARIETÀ

Sarà come sempre uno dei valori portanti della Festa dello Sport che rinnova la propria missione a sostegno della Fondazione Gigi Ghirotti con la tradizionale raccolta fondi e diverse iniziative a supporto della “storica” realtà, fondata e presieduta dal Prof. Franco Henriquet, che festeggia il suo 40° anno di attività. Tutti i partecipanti potranno acquistare presso lo stand di Stelle nello Sport un biglietto della Lotteria per la Ghirotti (5 euro) con in palio una magnifica crociera nel Mediterraneo per due persone a bordo di Msc World Europa.

SPONSOR

La Festa dello Sport può contare quest’anno sul sostegno di BASKO che ha lanciato per l’occasione la speciale iniziativa “BASKO IN FESTA PER LO SPORT” che prevede premi per le Associazioni Sportive Dilettantesche e organizzerà sabato (ore 16,30) una gustosa merenda per tutti i bambini. Sono partner ufficiali della Festa dello Sport Amiu, Decathlon, Latte Tigullio, Synlab.

Al fianco di Stelle nello Sport, sostengono la Festa dello Sport Fondazione Carige, Erg, Bper, Iren Luce Gas e Servizi, Montallegro, Eco Eridania, Cambiaso Risso, MSC, Psa Italy e Novelli 1934.

Sabato 25 maggio alla Festa dello Sport arriva il “ciclista della memoria”

0

Arriverà alla Festa dello Sport sabato 25 maggio (ore 12), Giovanni Bloisi, noto come “ciclista della memoria”. Un altro evento nell’evento. 

Special Snorkel: alla Festa dello Sport sabato 25 maggio la presentazione del corso estivo

0

A Giugno partirà il 6° Corso di Special Snorkel tenuto dal Centro Subacqueo Mediterraneo Duilio Marcante, attualmente patrocinato dal Comune di Recco e coadiuvato da molte associazioni ed enti pubblici.

Un premio per i 20 più veloci dell’area Fidal alla Festa dello Sport

0

La Federazione Italiana di Atletica Leggera metterà a disposizione una minipista da 50 metri dove si potranno fare prove cronometrate individuali o di gruppo (Staffetta 4x 50 mt).

Lunedì a Palazzo Tursi la presentazione della ventesima Festa dello Sport

0

Si terrà lunedì 20 maggio alle ore 11, presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, la presentazione della 20a Festa dello Sport.

Domenica il torneo Amici di Yuri-Memorial Suor Clara Merlo

0

Si rinnova l’appuntamento con le emozioni che alimentano il Torneo Amici di Yuri diventato dal 2022 anche Memorial Suor Clara Merlo per ricordare due PERSONE veramente speciali che hanno segnato il percorso della PGS AUXILIUM.

Tre speciali madrine per il 25° Galà delle Stelle

0

Il Galà delle Stelle nello Sport, nella serata di giovedì 23 maggio (inizio ore 20:30 con prenotazione obbligatoria alla mail info@stellenellosport.com), sarà reso ancora più bello della presenza delle madrine grazie alla storica partnership con l’agenzia EN&CO Eventi di Eleonora Repetto.

120 anni Nicola Mameli! Un viaggio nella Storia di Voltri, del Nuoto e della Pallanuoto

0

La Storia sono i fatti, la Storiografia la loro cronaca. Entrambi sono un filo che può dipanarsi a lungo attraverso molteplici e variegate ramificazioni. Ci sono molti casi in cui però la testimonianza di una Storia, ad esempio di una collettività, il passaggio di valori da una generazione all’altra, ne modifica il corso, prolungando il filo iniziale, inspessendolo, ampliandolo sino a farlo diventare magari una colonna di quelle comunità, o più di una o intere fondamenta. La Storia della Società Sportiva Nicola Mameli si intreccia così con la Storia e la società di Voltri, l’una diventa parte dell’altra, assieme si legano ad altre Grandi, grandissime Storie, di Genova, dell’Italia, dello Sport. Sabato18 maggio la Mameli festeggerà i 120 anni dalla sua nascita, e al loro interno, come in un libro rilegato dai mastri cartai più navigati, di storie, da riportare, da raccontare, perché, ispirando formino la Storia di domani, per (almeno!) altri quattordici lustri di passione, impegno e gloria, ce ne sono mille e mille e una, quella che scriveranno col loro prossimo compleanno.

Gli stessi membri lo rimembrano, ornandosi dell’abito buono in questi giorni di festa, delle origini nobiliari che dal Medioevo seguendo le correnti del tempo hanno condotto un gruppo di gentiluomini imprenditori a dar vita a costituirla, per permettere l’esercizio del  tamburello, del nuoto, e, in seguito del  podismo e dell’atletica pesante; e ricordano come agli albori del terzo  millennio sia stata la fortissima volontà di portare avanti un’eredità fattasi, di stagione in stagione e de facto di giorno in giorno più popolare senza perdere in quarti di autentica nobiltà, di spirito, a salvarla dalle opprimenti difficoltà che sembra stessero per schiacciarla. Oggi i membri della Mameli e la gente di Voltri a maggior diritto possono levare ben alta la testa, potendosi vantare non solo di un così orgoglioso passato, ma di averlo saputo evolvere in un presente di cui, auspicabilmente, i loro posteri potranno andare ugualmente fieri.

Storia e Nobiltà, di intenti, ideali e non solo, che sprizzano sin dal nome, Mameli, che non menziona quel genovese Goffredo garibaldino che agli Italiani donò un Cantico, le immortali parole dell’inno musicato dal concittadino Michele Novaro, e la vita, cadendo ventiduenne nel 1849 in difesa della Repubblica Romana, ma il di lui fratello, il marchese Nicola Mameli, sindaco di Voltri quando era comune a sé stante, Senatore del Regno, e pure lui garibaldino e mazziniano, impegnato sui fronti del Risorgimento dalla Sicilia nel 1860 al Veneto nel 1866. Meno famoso ma non meno insigne di Goffredo, nella morte Nicola si era riunito al fratello nel 1903, e a lui per commemorarlo i facoltosi imprenditori di quella che era tutti gli effetti la città, un vero e proprio polo industriale della carta, vollero dedicare la neonata società.

Nicola Mameli con Sideny Sonnino, Presidente del Consiglio nel 1906, e Giustino Fortunato, deputato e storico meridionalista

La storia della fondazione della Nicola Mameli ASD

Si tratta dei discendenti di una produzione manifatturiera che risale al Medioevo, tra il 1200 e il ‘300, quando Genova dopo i secoli più oscuri dell’Europa si riscopriva Superba sui Mari, e per Uomini e per Mura, e nutriva e agevolava i suoi traffici producendo ciò che poteva essere venduto o ciò che serviva per i contratti, i depositi, gli attestati, le note di credito…come la Carta. Voltri diventa così un centro di Cartiere, un vero e proprio polo industriale ante litteram, capace di raccogliere più di mille lavoratori specializzati. Agli albori del secolo vigesimo, è ancora un bene la cui produzione fa la fortuna e il buon nome del luogo, e così i magnati locali a esso legati hanno il capitale per dar vita all’ambizione sportiva.

Immettono le risorse Agostino Vigo, proprietario dello jutificio, lungo il torrente Cerusa, che funzionerà da primo acquartieramento della Società, Giobatta Gaggero, sindaco della cittadina l’anno precedente e operante nell’Industriale tessile e primo Presidente, Carlo Tealdo, anch’egli industriale del tessile. Così completati i ranghi del primo Consiglio Direttivo: Paolo Gitto (Vicepresidente); Niccolò Porrata (Economo)¸ Giovanni Gioni (Segretario); Giuseppe Clerici (Cassiere). Consiglieri: Carlo Tealdo, Agostino Vigo, Niccolò Canessa, Niccolò Fava, Aleardo Capurro.

i fondatori della Nicola Mameli

I grandi campioni, dirigenti, e allenatori della Nicola Mameli

Nel 1908 l’epifania di un campione dell’età pioneristica, Davide Baiardo, allora appena 19enne, già tesserato con la “Giovane Voltri” dal 1907. Nuotatore, partecipa ai Giochi Olimpici di Londra del 1908 nei 1500 Stile Libero, assieme al nerviense dell’Ardita Juventus Mario Massa, e nel 1911 si prende una piccola pausa dalla società per andare a vincere il primo scudetto nella storia della Pallanuoto col Genoa, sezione di Waterpolo del celebre club di Football (and Cricket!). Impara l’Arte e la mette al servizio della Mameli: nel 1912, quando pure partecipa come Nuotatore alle Olimpiadi di Stoccolma, fonda la sezione di Pallanuoto della società, il più antico sodalizio dell’intera Federazione, e assume l’incarico di Presidente dal 1914 al 1944. Parteciperà al Girone Finale con la squadra che nel 1928 contenderà lo scudetto all’Andrea Doria, arrivando seconda, e ancora negli anni ’70, si tramanda, quando veniva a trovare i suoi epigoni in piscina, la voce correva di bocca in bocca…”C’è Baiardo!”, e allora chi era in vasca moltiplicava gli sforzi, per mettersi in mostra, chi era fuori dall’acqua si avvicinava per sentirne gli aneddoti e i commenti.

Davide Baiardo

È soprattutto con la Pallanuoto che la società comincia ad avvincere a sé tutta la comunità, e lo si vede nel momento di maggior necessità, quando con degli abbracci deve andare a raccogliere i suoi eroi, sconfitti in acqua da un fato troppo avverso e troppo amaro, ma vincenti su di esso per ciò che hanno creato, un’unione che fa una forza più forte di quella del destino.

La Squadra e lo Staff della Mameli nella prima metà degli anni 30′

È il caso del 1929, di fatto una seconda finale scudetto consecutiva, stavolta contro Trieste: a Roma si svolge l’ultima fase, e la ragion di stato, in quel nerissimo e infame momento purtroppo stretto tra i Fasci mussoliniani, impone che debbano gli Alabardati, rappresentanti delle terre irredente, così vicine a Fiume. L’arbitraggio di conseguenza è sfavorevole, così come il tifo, feroce e intimidatorio, con tanti camerati sulle tribune. La Mameli “deve” cedere nello scontro diretto.  Ma al suo rientro viene accolta e sorretta dall’intera cittadinanza, in realtà tecnicamente non più tale dal 4 gennaio 1926, stante l’accorpamento a Genova voluto sempre dal Duce per motivi propagandistici, direttamente alla stazione al rientro in treno.

La Squadra Mameli nel1939

La Mameli arriverà seconda ancora nel 1931, cedendo di nuovo contro i neoconcittadini dell’Andrea Doria, e terza nel 1933.

Di queste sfortunate ma generose spedizioni fece parte Luigi Fabiano, portiere, primo atleta Mameli convocato in Azzurro, in squadra ancora 19enne nel 1928, in seguito Campione tricolore con la Florentia nel 1940 e…con Camogli nel 1953! Giocatore sino al 1956 e alle 48 primavere! Appena toccati i quaranta, viene convocato alle Olimpiadi di Londra del 1948 come decano della squadra dal CT amico Giuseppe Valle, ed è il primo Oro a Cinque Cerchi del Settebello. Tuttavia inspiegabilmente Valle non lo schiera mai e Fabiano, risentito, si presenta alla premiazione a fine partita tutto vestito per differenziarsi dal resto dei giocatori. Questi l’abbracciano e gli cedono la palla, a significare quanto ha dato loro anche da bordo vasca. L’amarezza è presto ulteriormente mitigata. I voltresi organizzano una serata dove vengono proiettate le partite dell’olimpiade londinese al Cinema Leira. Pienone, grande successo, tutti inneggiano al vecchio capitano.

Sono anche gli anni di Stefano “Stevin” Ratto: anche lui sfortunato protagonista delle finali, è il vero erede di Baiardo, trascinatore dentro e fuori dalle vasche, in squadra dal 1920, dal settembre 1933 dirigente e responsabile della sezione di atletica pesante pur continuando come giocatore, e dal 1945 allenatore della squadra di pallanuoto. Visitava spesso “la Cantera” della Mameli, ovvero la spiaggia di Voltri: Stevin, girava per l’arenile scrutando tra i ragazzi i più abili a muoversi nell’acqua, in particolare quando c’era il mare grosso. Quindi li chiamava a sé facendo seguire una veloce analisi antropometrica (altezza, peso, gambe, gambe ecc.) e terminando con un’indagine genetica: di chi sei figlio? Quanto è alto tuo padre, quanto tua madre? A questo punto se i test fossero stati superati il ragazzo sarebbe stato invitato a presentarsi in piscina.

Oltre i campioni merita almeno una menzione il Presidente Ferdinando Malaspina, in carica per 12 anni, presidente anche della Croce Rossa, medico, a lui soprattutto si deve l’inaugurazione, il 18 luglio 1953, l’inaugurazione della nuova piscina alla presenza dell’allora sindaco Sandro Pertusio, con la contemporanea nomina a Presidente onorario di Davide Baiardo. 33,33 mt per 18 di larghezza, con tre trampolini lato mare uno di 5 mt, e due di 3. L’impianto venne reso possibile da un incredibile e senz’altro avveniristico connubio per quell’epoca. Una sorta “partnership” tra il finanziamento pubblico (Comune) e l’azionariato popolare. Un altro, ulteriore, struggente attestato della vicinanza tra Volti e Mameli.

La Prima Squadra Mameli nel 1957

Luigi Fabiano molto spesso accompagnava il dottore nelle visite, notturne, lungo le strade sterrate delle alture voltresi, Malaspina a qualunque ora era sempre disponibile per tutti i suoi ammalati. Tutti assieme poi, con altri personaggi di quegli anni, come Gigi Massa e in seguito Gaetano “Gaitan” Castellaro, l’allenatore per definizione nella storia della Mameli, si ritrovavano nella piazzetta della Croce Rossa per mangiare il gelato del Lillo.

Attingendo direttamente e integralmente dalle memorie della società:

“L’impianto natatorio di piazza Villa Giusti costituiva anche luogo di aggregazione ed interazione tra tutte le generazioni. Soprattutto quelle più giovani di Sant’Erasmo e Sant’Ambrogio. Punto di riferimento anche per chi non praticava Nuoto e Pallanuoto agonistica. La piscina calamitava l’attenzione.   Atleti, ex atleti, amici, dirigenti, simpatizzanti e potenziali praticanti. In pratica centinaia e centinaia di voltresi. Al sabato sera, quando arrivava una squadra titolata, come la mitica Pro Recco di Eraldo Pizzo, la Canottieri Napoli di Fritz Dennerlein, la Florentia di Gianni De Magistris, il Camogli di Mino Di Bartolo, l’Elah Pegli di Repetto, Parmegiani e Argeri, era una festa di piazza. Il calcio passava in secondo piano.

Eraldo Pizzo, la Leggenda in mostra

Solo quando si presentava il Bogliasco si mobilitavano anche i calciofili. Perché nella squadra bogliaschina militava Gianni Fossati, figlio del “Sciu Rensu”, allora presidente del Genoa. A decine i tifosi rossoblù voltresi si accalcavano per scambiare quattro parole con il massimo esponente del sodalizio calcistico genovese.

[.] Per continuare il nostro cammino abbiamo bisogno di tutti. Come quando la Mameli riusciva a mobilitare decine di volontari in occasione di importanti manifestazioni. Un nome su tutti: il “Trofeo del Nuotatore” ospitando i campioni del futuro provenienti da tutta Italia. In quei giorni Voltri diventava la capitale del nuoto giovanile italiano. Le vie della città si popolavano di ragazzi e ragazze con le loro tute multicolori. Atleti arrivati da tutte le città dell’Italia settentrionale e centrale. Una visibilità enorme…”.

Tra gli altri atleti del periodo d’oro meritano menzione, seppur fugace, per la Pallanuoto, pure Giorgio Calcagno, Carlo Massa, Aldo Ferrando, e Olinto Canossa. Giovani voltresi catalizzatori di un movimento pallanuotistico di prim’ordine. In questo periodo la Mameli vinse un campionato italiano under 20 “B” 1966, un campionato italiano giochi della gioventù, 1976/77, un campionato italiano under 17 “A” 1978, la stella d’argento al merito sportivo 1968, e la stella d’oro al merito sportivo 1975.

Nel Nuoto, tanti anni dopo Davide Baiardo, si affermarono a livello nazionale le sorelle Lanfranconi, Diana e Graziella. Nel 1967 Letizia Baiardo vinse il campionato regionale con i 100 dorso. Mentre, più recentemente, a portare in alto i colori della Mameli, sono stati Luca Baldini, vincitore di quattro titoli mondiali di fondo in acque libere, oggi Direttore delle Piscine d’Albaro,  e Marco Formentini vincitore di titoli europei sia in piscina che in mare.

120 anni di passione

La società è andata incontro poi a difficoltà via via sempre più crescenti dal 2000 in avanti.  Nel 2013 con la restituzione dell’impianto alla civica amministrazione, che ha interrotto qualsiasi finanziamento e non è stata in grado di garantire altri mezzi di sostentamento e ripianamento della situazione debitoria, ad esempio con la concessione d’uso di una spiaggia libera attrezzata, ha cessato ogni attività sportiva.

Ma nel maggio 2019 è rinata, e oggi, con il riacquisto del Marchio, può legittimamente e a tutti gli effetti 120 anni di Storia, che non sono Storiografia, perché sono fatti, successi, impressi in una comunità che muta ed evolve, ma sa cosa ha attraversato. Gli Scripta Manent, ma ciò che resta è soprattutto il motivo per cui occorre tramandare. 120 Anni Mameli tutti da raccontare.

Come spiega la medesima società:

“Questo sodalizio ha regalato lustro e onori alla città di Voltri. Anche dal punto di vista professionale si è potuto constatare quanto la Mameli abbia avuto un ruolo importante di integrazione tra le giovani generazioni e fidelizzato un intero paese. Per migliaia e miglia di voltresi, e non solo, la Mameli rappresenta il periodo più bello della loro vita. Quello della gioventù. Inevitabilmente il nome Mameli riporta alla memoria imprese sportive in piscina e amicizie strette sulle gradinate dello stadio del nuoto. Spesso, in questo ambiente permeato di fatica e odore di cloro, sono sbocciati amori molti dei quali sono risultati tanto profondi da durare tutta una vita.

Dunque: 120 anni di storia. Poche società sportive, almeno in Italia possono vantare un simile biglietto da visita. Non a caso risulta il più antico sodalizio di Pallanuoto della Federazione Italiana Nuoto.   Molto più di un secolo integrandosi perfettamente nel tessuto sociale e sportivo della delegazione.  Quasi 120 anni non potevano passare invano. Perché tutti i voltresi, a partire dai nuotatori e pallanuotisti degli anni Trenta e Quaranta, hanno dato un importante contributo non solo allo sport ma anche alla vita sociale. Intere generazioni sono cresciute all’ombra della piscina della Mameli. E proprio per non disperdere questi valori, questo simbolo di sportività, il nostro gruppo ha voluto ricominciare. Anzi, proseguire. Sì, perché anche quando la Nicola Mameli ha attraversato momenti di difficoltà amministrative, la Società ha continuato a vivere nei cuori dei voltresi e non solo. Questo perché l’impianto, per decenni, è stato il fulcro dell’attività natatoria di tutto l’immediato ponente genovese e del suo entroterra. E tutti gli appassionati di nuoto e pallanuoto, in questi ultimi anni, sperano di rivedere una piscina piena di ragazzi e giovani atlete e atleti che si allenano e gli spalti gremiti in occasione di un evento sportivo.

Per questo motivo, dopo l’acquisizione del marchio, abbiamo voluto riprenderci anche la storia della società. E nel nostro interlocutore, la Federazione Italiana Nuoto, abbiamo trovato un partner animato dagli stessi propositi. Perché la Nicola Mameli è anche la storia di Voltri e del ponente ligure. La storia del nuoto e della pallanuoto della delegazione genovese”.

Federico Burlando

La Mameli è viva. Che storia !

Per ulteriori Informazioni

Asd Nicola Mameli 1904

Si ringrazia la società per l’ampia e ben tratteggiata documentazione messa a disposizione per rendere il più completo e minuzioso possibile il magnifico quadro dei loro 120 anni!

Festa dello Sport e Scuola: un rapporto sempre più stretto

0

Porto Antico  e Stelle nello Sport credono, sempre più, nel valore promozionale della Festa dello Sport. Per questo il venerdì, giorno d’apertura, è storicamente dedicato alle Scuole e, nel 2024, segue un giovedì 23 maggio caratterizzato dalle emozioni… di corsa della Baby Maratona portata in scena dal Lions Club Porto Antico.

News

Votazioni

Eventi

Scuola

Charity

Premio Fotografico