Le Stelle verso Parigi 2024: le bracciate olimpiche di Alberto Razzetti

0
Tratta da Pagina Facebook Alberto Razzetti

Sono gli Europei di Nuoto del 2022, si nuota in casa a Roma, e l’Italia esonda dalle vasche. Ci son tante mani liguri nella lavorazione di fusione del tricolore all’oro, argento e bronzo delle medaglie. Tra tante però spiccano due braccia che paiono avere la forza dell’acciaio, scolpite dagli allenamenti. Una forza in potenza che esplode in mille metafore a tema missilistico e rimbomba in tre diversi agoni: Alberto Razzetti è definitivamente conflagrato, da Stella consacrata che già era si allinea ai vertici del firmamento internazionale e sulla propria scia indica la via al tutto il movimento. Un boom che coinvolge tre differenti competizioni: Oro nei 400 misti, bronzo nei 200 farfalla e argento nei 200 misti. Le medesime in cui gareggerà a Parigi.

I prossimi appuntamenti, questi sotto la Torre Eiffel, da non perdere di una carriera che l’ha già visto imprimere diverse svolte significative una vasca percorsa sino in fondo dopo l’altra: da programma, per i 400 m Misti, domenica 28 luglio dalle 11.00 le batterie e alle 20.30 l’eventuale Finale;  per i 200 m farfalla, martedì 30 luglio alle 11.00 le batterie e alle 20.41 il 31 luglio alle 20.36 la Finale; per i 200 metri Misti, giovedì 1 agosto dalle 11.00 le batterie, e venerdì 2 alle 20.49 la Finale.

L’unico “Razzo” di cui, in un mondo ideale, si dovrebbe parlare, in acqua è un vero e proprio siluro, che sulle cronache sportive affiora e fa capolino da lungo tempo e sempre più spesso, ogni volta svettando un po’ di più, come un maestoso capodoglio, agile come un delfino, e a ogni nuovo virtuosismo sempre più vicino a una dimensione leggendaria, da mito Atlantideo.

La dedizione con cui si dedica a tali imprese però sono molto più concrete, come le radici Liguri: 25 anni compiuti il 2 giugno, di Sestri Levante, emerso subito al Festival della Gioventù Europea prima dei 15 anni, cresciuto nel Lavagna ’90 quindi il passaggio a Genova My Sport e gli allenamenti nel più grande impianto natatorio della Liguria My Sport Sciorba prima di arruolarsi alle Fiamme Gialle e di trasferirsi a Livorno. In mezzo i primi piazzamenti agli Assoluti. Poi le qualificazioni per Tokyo e il rinvio per il Covid: si prende tutto l’anno di post programmazione come count down per imparare a competere con i migliori, in attesa dei Boom che scuoteranno ciclicamente l’Italia, il Vecchio Continente e il mondo intero.

Agli Europei di Budapest del 2020 le prime medaglie pesanti: bronzo nei 200 metri misti, argento nella distanza doppia. Quindi, dopo lunga attesa, le finali a Cinque Cerchi in Giappone: nono ed ottavo posto. Quindi la deflagrazione iridata: ai Mondiali in vasca corta di Abu Dhabi 2021 conquista nell’arco di circa un’ora, prima l’oro nei 200 m farfalla e poi il bronzo nei 200 m misti, a cui seguono un altro oro e due argenti Europei, e, quest’anno, ai mondiali di Doha, medaglia d’argento nei 200 metri farfalla alle spalle del giapponese Tomoru Honda – il primo italiano a salire sul podio iridato in tale specialità e la medaglia di bronzo nei 200 metri misti.

Le speranza ora è di vederlo salire ancora, tra i cieli delle Stelle, e per la prima volta su dei Podi Olimpici. È partito l’ennesimo countdown. Nella sua terra, di cui è orgogliosissimo per ciò che gli ha dato per crescere, e a cui resta legatissimo, era già cominciato da tempo: già nel 2017 era stato votato Atleta Sportivo Junior Ligure dell’anno, e nel 2021 è stato votato Sportivo Big. È il momento di affondare il colpo ancora una volta. Da Roma a Parigi si delinea un solo Arco di Trionfo a forma di Liguria della consistenza di Alberto Razzetti.

Federico Burlando

https://www.stellenellosport.com/2022/11/28/ad-alberto-razzetti-e-linda-cerruti-la-30a-edizione-del-premio-sportivo-ligure-dellanno/

Condividi questo articolo