Il terminal PSA Genova Pra’ compie trent’anni

0

Partono i festeggiamenti per i trent’anni del terminal PSA Genova Pra’: dopo aver festeggiato lo scorso anno, il trentennale dell’altro terminal genovese di SECH, PSA Italy (gold sponsor di Stelle nello Sport anche nel 2024) festeggia il suo terminal container di Genova Pra’ e primo terminal import ed export d’Italia.

Al Galata Museo del mare si aprono i festeggiamente con i saluti istituzionali del Vice Sindaco Pietro Piciocchi che ha portato i saluti di Bucci, operato d’urgenza lunedì 3 giugno e dell’Ammiraglio Piero Pellizzari, Comandante del Porto di Genova. Nel video realizzato per la serata le voci di chi il terminal di PSA Genova Pra’ (già VTE) l’ha visto nascere, ovvero le testimonianze di Sandro Carena, ex segretario dell’allora Consorzio Autonomo del Porto, di Cirillo Orlandi ex Presidente ed ex AD di Sinport e della realizzazione e messa in funzione del terminal VTE, con l’arrivo della prima porta container COSCO Dainty River, che aveva una capienza massima di 2000 Teu e 188 metri di lunghezza. è proprio la prima nave a segnare il trentennale dell’azienda, che da allora ha raggiunto significativi traguardi per il mondo portuale italiano: lo racconta l’ex AD Saskia Kunst che fu chiamata nel 2003 e tornò in Olanda nel 2007, suo ultimo anno alla guida del terminal PSA Italy di Genova Pra’ e anche primo anno del milione di Teus.

Alle voci dei Manager succede la testimonianza di Michela Benetti e Sabina Canepa che vennero assunte nel 1993 e furono formate, insieme ad altri 20 colleghi per l’operativo, prime donne a guidare le gru, per sette settimane a Singapore che all’epoca aveva solo il terminal, appunto, a Singapore. E proprio qualche anno dopo, ricorda Orlandi, nel 1998 VTE fu acquistato da Singapore.

Il confronto con il Presidente Marco Conforti e l’amministratore delegato di PSA Italy Roberto Ferrari continua con un parallelo tra passato e futuro: 30 anni di azienda, 30 anni di professionalità, sfide e crescita. Roberto Ferrari parla del futuro dell’azienda, che già oggi ospita le meganavi da 24mila TEUs, e guarda con interesse ai mercati del Sud e Centro Europa, con il Southern Express e lo Stuttgart Express che propongono una modalità di trasporto via treno alternativa alla strada, e che i clienti, in ottica di rendicontazione di sostenibilità, hanno scelto per il Sud Europa per il minore impatto (84%) di CO2, e sottilinea l’esigenza di ottimizzare le infrastrutture autostradali e ferroviarie e in particolare il Terzo Valico, il cui tracciato deve raggiungere il prima possibile Milano e il Sud Europa.

Nell’intervento del Group CEO di PSA International Ong Kim Pong, inseditosi a marzo 2024, sono centrali la professionalità e la sostenibilità.

Condividi questo articolo