“Genova 2024 Capitale Europea dello Sport” si presenta all’Italia sportiva

0

Genova ha ricevuto il riconoscimento di Capitale Europea dello Sport per il 2024 da parte di ACES Europe, la Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport, diventando così il palcoscenico di eventi sportivi nazionali e internazionali e di numerosi progetti che coinvolgono uomini e donne di ogni età e abilità. Oggi, a Roma, nella Sala stampa dello Stadio Olimpico, la presentazione nazionale dei valori di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport e del programma: più di 100 eventi di 32 discipline sportive, sotto l’egida di 28 federazioni sportive. La previsione di impatto economico sul territorio, ad oggi correlabile ai soli pernottamenti stimati, supera i 9 milioni di euro di indotto diretto a cui dovranno aggiungersi le altre voci di spesa effettuate da atleti, turisti e visitatori nonché le spese indirette.

Il calendario di attività e manifestazioni è in continua evoluzione e in costante aggiornamento sul sito www.genovasport2024.it e sui canali social identificati dall’hashtag #genovasport2024.

“Genova sta dando un contributo importante all’ingresso dello sport in costituzione. L’agenda dello sport di Genova ha una sua maturità e stabilita. Ho visitato il museo delle società centenarie, Genova ha consapevolezza delle sue radici – racconta il Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi –   La storia sportiva si intreccia con quella civile. Liguria è  prima regione per le palestre scolastiche con il 60% laddove la media è il 40. Genova conta su realtà straordinaria di associazioni, tessuto connettivo del nostro paese. Il nuovo corso di laurea in Scienze Motorie in politiche e governance per lo sport è un ulteriore tassello di un anno meraviglioso con oltre 100 eventi finalizzato al miglioramento della qualità della vita delle persone grazie allo sport”.  

“Lo sport è importante per il turismo, lo abbiamo già visto a Genova con il grande successo di ‘The Ocean Race’ nell’estate scorsa – afferma il Ministro del Turismo Daniela SantanchèMettere insieme lo sport, il turismo, la cultura e l’enogastronomia è davvero fondamentale: gli eventi sportivi aiutano il turismo nella sua offerta, in particolar modo per la destagionalizzazione come dimostra il grande calendario di appuntamenti nazionali e internazionali genovesi”.

“Lo sport è un percorso educativo che insegna ai giovani come affrontare la vita”, sottolinea Edoardo Rixi viceministro delle Infrastrutture. “Genova 2024 è una grande occasione, un segnale importante che anche il nostro paese torna a credere che lo sport non può essere una parte residuale della nostra vita ma una parte di quegli insegnamenti che vanno tramandati”. 

Focalizzare un intero anno sullo sport è molto positivo nell’ottica della promozione sportiva che è nel DNA di Sport e Salute – afferma il presidente di Sport e Salute Marco MezzaromaAbbiamo rapporto importante con Regione e Comune. Abbiamo investito circa 36 milioni di euro per 60 impianti sportivi. Genova ha grande tradizione sportiva, con mare e montagne si può fare anche grande lavoro in relazione al turismo sportivo”.

“Un anno assolutamente importante per la città e per la regione. Il calendario è fitto e ricco di attività e noi sul territorio faremo la nostra parte con il nostro presidente Antonio Micillo. Genova ha dato i natali alla prima società di calcio ma anche ad altre realtà di varie discipline sportive. Qui ci sono numerose eccellenze sportive. La notizia più bella, oltre al riconoscimento si capitale europea dello sport, è il nuovo Palasport. Non esista disciplina indoor che non potrà essere ospitata. Un contenitore meraviglioso” sono parole del presidente del Coni Giovanni Malagò.

È fondamentale l’attenzione verso ammodernamento impiantistica. Nel 2017 Genova ha ospitato Giochi Europei Paralimpici giovanili, manifestazione che è stata importante scommessa vinta dalla città. Oggi celebriamo un grande risultato con il riconoscimento a Capitale Europea dello Sport per il grande lavoro sin qui svolto in vari campi, ora dobbiamo guardare al futuro e parlare quindi di sistema. Genova può essere esempio di best practice, anche in prospettiva futura con lo sport accessibile partendo dai bambini” suggerisce Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

«Oggi è un onore presentare a livello nazionale il grande progetto di Genova Capitale Europea dello Sport 2024 – dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci – Il Comune di Genova crede nei valori dello sport e nell’educazione dei giovani anche attraverso la disciplina che molte attività sportive insegnano. Fin da subito abbiamo sostenuto questo evento di estrema importanza per l’immagine del capoluogo ligure, per il ritorno turistico in grado di generare ma anche per la ricaduta positiva che ha portato agli impianti sportivi genovesi. Praticare sport significa salute, porta benefici a livello fisico e psicologico e contribuisce a far crescere dei buoni cittadini. Questo 2024 sarà un anno ricco di eventi vincenti, opportunità di sviluppo e crescita sociale ed economica per Genova: oggi questa presentazione a Roma sancisce il successo di questo grande programma che abbiamo previsto, dimostrando il crescente respiro internazionale della nostra città».

«La presentazione di oggi di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport in una sede prestigiosa come lo stadio Olimpico di Roma testimonia il respiro nazionale che abbiamo voluto dare al riconoscimento ottenuto da Aces Europe – racconta l’assessore allo Sport e Turismo del Comune di Genova Alessandra Bianchi – Gli oltre 100 eventi in cartellone, che la presentazione di oggi ci ha consentito di far conoscere al grande pubblico, metteranno insieme tante discipline sportive, diverse tra loro, che vedranno tanti scenari, anche all’aria aperta, sul mare, con il comune denominatore dei valori che la pratica sportiva porta con sé, a ogni età e per tutti, ognuno con le proprie abilità. Genova Capitale Europea dello Sport vuole anche essere un tramite con le bellezze del nostro territorio, per la loro valorizzazione che non può prescindere da una ricaduta economica e sociale importante che non si esaurirà con il 2024, ma che auspichiamo possa lasciare un’impronta per le future generazioni sia in termini di impiantistica sportiva sia di cultura sportiva. Un ringraziamento speciale ai ministri per lo Sport e i Giovani Abodi e al Turismo Santanché per la loro partecipazione alla presentazione di Genova 2024 che conferma il ruolo cruciale dello sport per il presente e il futuro dell’intera nazione».

«È un orgoglio portare il saluto di Regione Liguria allo Stadio Olimpico di Roma e testimoniare la vicinanza e il supporto di Regione Liguria alla città di Genova per questo straordinario risultato ottenuto – spiega l’assessore allo Sport della Regione Liguria Simona Ferro – La nomina a Capitale Europea dello Sport, unita a quella della Liguria a Regione Europea dello Sport 2025, racconta un percorso condiviso, frutto di una grande sinergia tra l’amministrazione regionale e quella comunale, per promuovere l’attività sportiva sul nostro territorio, dai grandi eventi alla pratica quotidiana da parte di cittadini e turisti. Saranno due anni straordinari e indimenticabili».

«Nell’anno in cui è Capitale Europea dello Sport, sorgeranno a Genova dieci impianti “Illumina”, uno per ogni municipio, che rappresenteranno, concretamente, il contratto sociale tra giovani e anziani – dice Diego Nepi Molineris , amministratore delegato di Sport e Salute – .  Saranno luoghi di sport e di inclusione generazionale, dove sarà possibile praticare diverse discipline come ad esempio l’arrampicata, lo skate, il basket 3×3, la ginnastica dolce e che prevedano spazi di incontro e di aggregazione. Sport e Salute si rispecchia molto in Genova che è città del “prima fare e poi comunicare” e la stretta sinergia già avviata con il Comune e la Regione ci permetterà di dotare il territorio genovese di questi impianti e di lanciare, attraverso lo sport, un messaggio per noi importante di inclusione».

«Sono particolarmente felice di avere partecipato alla presentazione di Genova 2024: sono genovese e cresciuta sportivamente a Genova – dichiara la karateka genovese Viviana Bottaro – Infatti, gran parte della mia vita sportiva l’ho fatta a Genova insieme al mio maestro Claudio Albertini, prima di trasferirmi a Roma all’età di 26 anni ed entrare nelle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato. Per questo motivo, essere testimonial di Genova 2024 è molto importante per me. Genova sta facendo un grande lavoro per promuovere lo sport e gli eventi sportivi: credo di essere un esempio di come il talento, messo insieme a un buon allenatore, a un contesto di valore e a una famiglia che ti supporta, possa portare a grandi risultati. Ma lo sport ha un valore importante anche per la promozione del territorio a livello nazionale e internazionale, come dimostra il caso di Genova 2024. La mia è una città meravigliosa con tante opportunità per tutti ed è importante che lo sport dica la sua. Ho avuto il privilegio di portare a Genova una medaglia olimpica: spero che sia solo l’inizio per me, in vista di Tokyo 2024, oltre che per tutti gli sportivi genovesi e italiani».

«È per un onore essere uno dei testimonial di Genova Capitale Europa dello Sport 2024 – conclude il campione paralimpico Francesco Bocciardo – . Sono sicuro che quest’anno, grazie allo sport, grazie al suo grandissimo valore come strumento di inclusione e di possibilità di dare alle persone di innovarsi e migliorarsi, Genova riuscirà veramente a fare un passo in avanti. E sono anche sicuro comunque che attraverso questo ci saranno tanti, tantissimi campioni, sia normodotati che paralimpici che un domani porteranno in alto i colori di Genova. Quindi mi raccomando, non perdete questa grandissima occasione perché fidatevi, sarà veramente bello, non solo per gli atleti, ma per tutti: perché comunque quando si può fare sport, quando tutti possono fare sport, abbiamo già vinto».

 

A gennaio, Genova ha alzato il sipario del suo anno speciale con una grande Cerimonia a Palazzo Tursi, sede del Comune, che per l’occasione si è trasformata in un campo da tennis per ospitare la Coppa Davis e uno dei suoi protagonisti, Matteo Arnaldi, che ha giocato e incontrato tantissimi giovani. A Palazzo Ducale ha riscosso grande successo la Mostra allestita dal Coni Liguria “Il Tempo e lo Sport”, visitata anche dal Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi. Sport e cultura sono il denominatore comune di altre due mostre di grande prestigio: fino al 28 febbraio è allestita al Galata Museo del Mare “Raccontami come era il calcio – Un secolo d’Azzurro” mentre il 29 febbraio sarà inaugurata a Palazzo Tursi la mostra “E-Mozioni di Sport” con le opere del fotografo-artista Massimo Lovati.

A marzo Genova ospiterà la partenza della tappa Giro Hand Bike, spazio poi all’International Genoa Winter Contest di Vela e dal 23 al 29 l’attenzione sarà dedicata al Torneo delle Regioni, con oltre 2000 giovani calciatori della Lega Nazionale Dilettanti in campo.

Aprile si aprirà con la Final Eight della Coppa Italia di Pallanuoto maschile quindi spazio alla Mezza Maratona di Genova e alla Final Eight della Coppa Italia di Futsal femminile, prima assoluta per la Liguria.

Maggio intenso, a ritmo di sport. Dal 39° Torneo Ravano-30° Coppa Mantovani alla 20° Festa dello Sport al Porto Antico migliaia di giovani potranno “scendere in campo”. Da Quarto dei Mille partirà la quinta tappa del Giro d’Italia ma in calendario ci sono anche la 27ª Marathon Bike dell’Appennino, i Campionati tricolori Cadetti e Giovani di Scherma e i Giochi Internazionali Salesiani. Grande attesa anche per le “stelle” del Footgolf.

Giugno si aprirà con la tappa di Coppa del Mondo di Orienteering e proseguirà con l’Open del circuito nazionale FIP di Basket 3×3, la partenza del Nastro Rosa Tour di vela e l’arrivo della Loro Piana Giraglia, il Master Nazionale TPRA di Tennis, il Trofeo Internazionale Hockey sotto la Lanterna, il Campionato Italiano Juniores di Ciclismo e l’International Dance Festival.

Grande attesa a luglio per l’arrivo del Premier Padel P2 con i più grandi campioni della pala. Il 14 luglio l’arrivo in Piazza De Ferrari dell’85° Giro dell’Appennino.

Settembre “internazionale” con il 20° Aon Open Challenger-Memorial Giorgio Messina e il Mondiale di Coastal Rowing. Sport e tradizioni con la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare e uno sguardo al futuro con i migliori interpreti mondiali del Beach Sprint di Canottaggio, disciplina che sarà olimpica a Los Angeles 2028. Genova “capitale” anche delle bocce con la tappa conclusiva del circuito nazionale di Beach Bocce, la Millevele Iren nell’ambito del Salone Nautico e lo SportAbility Day, festa dello sport di tutte le abilità organizzata nell’impianto polisportivo della Sciorba.

Dopo la “prima” alle Olimpiadi di Parigi, l’arrampicata sportiva sarà protagonista a Genova, a ottobre, con la Coppa Italia Boulder. Per la prima volta in Europa arriva il Red Bull Cerro Abajo, urban downhill di spettacolare impatto. A novembre scenderà in campo anche la Nazionale Senior femminile di basket. Curiosità per il Campionato Italiano di Subbuteo Tradizionale e la Champions League di Calcio Balilla. Le stelle del nuoto mondiale saranno in gara nel 50° Trofeo Nico Sapio e torneranno a ruggire nel cuore della città i motori del Rally della Lanterna.

Il 3 Dicembre, nella giornata mondiale delle persone con disabilità, si terrà il “Forum Sport e Disabilità” con una mostra a Palazzo Tursi e una giornata di calcio integrato.

TESTIMONIAL – Genova 2024 potrà contare su prestigiosi testimonial, espressione del mondo sportivo genovese che hanno saputo imporsi a livello internazionale. Tra le prime adesioni quelle di Viviana Bottaro (karate), Francesco Bocciardo (nuoto paralimpico), Ludovica Cavalli (atletica leggera), Matteo Arnaldi (Tennis), Asia e Alice D’Amato (Ginnastica), Eraldo Pizzo (pallanuoto), Paola Fraschini (pattinaggio artistico), Edoardo Marchetti, Giacomo Costa, Lorenzo Gaione, Edoardo Rocchi, Alessandro Calder (canottaggio), Michela Braga (pugilato), Gianfilippo Mirabile (canottaggio paralimpico), Martina Carraro (Nuoto), Giobatta Persi (Ciclismo), Camilla Moroni (Arrampicata), Marco Lanna e Marco Rossi (Calcio, in rappresentanza di Samp e Genoa), Anita Corradino e Paolo Zanobini (Scherma), Alessandro Ceppellini e Giorgia Mortello (Tennis), Alessia Ferrari (Giudice Arbitro Pallanuoto), Alessio Cindolo e Marco Dogliotti (Vela).

Genova 2024 Capitale Europea dello Sport permette alla città di essere al centro dello scenario sportivo internazionale con un palinsesto ricchissimo, costituito da grandi appuntamenti agonistici di carattere nazionale ed internazionale al quale si affiancano manifestazioni ed attività volte a promuovere a 360 gradi la cultura dello sport e dei suoi fondamentali valori di accessibilità, integrazione, inclusione sociale e benessere. Un anno di impegno rivolto a donne e uomini di ogni età e abilità con attenzione al rinnovo dell’impiantistica e alla sostenibilità.

 

SPORT PER I GIOVANI – Genova 2024 vuole essere un’opportunità per riavvicinare i giovani allo sport e promuovere, sempre attraverso la pratica sportiva, stili di vita sani e consapevoli. In questa direzione si configura la collaborazione con le scuole anche attraverso il coinvolgimento attivo degli studenti universitari dei corsi di Laurea di Scienze Motorie e del nuovo corso di Politiche, Governance e Informazione dello Sport.

Il Comune di Genova, per il tramite della Direzione Sport, ha attivato due progetti rivolti alle Scuole Primarie Genovesi, nell’ambito dell’Accordo Quadro siglato tra Comune di Genova, Ufficio Scolastico Regionale, Università di Genova, Coni Liguria, Cip Liguria e Sport e Salute Spa. Il progetto “10 ore di attività motorio sportiva” si suddivide in propedeutica motoria, rivolta agli alunni delle prime tre classi delle Scuole Primarie, e in propedeutica sportiva rivolta agli alunni delle classi quarta e quinta delle Scuole Primarie. Il progetto “12 ore di avviamento al nuoto” si basa su corsi di avviamento al nuoto rivolti agli scolari delle prime classi delle Scuole Primarie, in collaborazione con i gestori delle piscine genovesi che hanno aderito al progetto.

La collaborazione con l’Università di Genova prosegue anche con il nuovo corso di Laurea Triennale Politiche, Governance e Informazione dello Sport inaugurato proprio in questo anno accademico. In programma una serie di appuntamenti dal titolo “Sport e formazione per la realizzazione di un sogno” con la partecipazione di studenti in arrivo da differenti paesi europei che avranno l’opportunità anche di scoprire bellezze ed eccellenze che la città può offrire.

INCLUSIONE – Genova 2024 Capitale Europea dello Sport non è solo un importante riconoscimento ma anche un impegno a creare un ambiente inclusivo in cui lo sport diventa veicolo di coesione sociale. L’obiettivo è provare a superare ogni barriera offrendo opportunità sportive accessibili a persone di ogni età, abilità e background socio-culturale. Diversi progetti e iniziative promuovono la partecipazione di persone con disabilità, incoraggiando la pratica sportiva come veicolo di integrazione. Particolare attenzione quindi al mondo paralimpico sia per quel che riguarda gli eventi in calendario sia per quanto riguarda invece l’accessibilità degli impianti sportivi.

IMPIANTI – Il riconoscimento di Genova 2024 Capitale europea dello Sport”, conferito al Comune di Genova nell’ottobre 2019, ha determinato fin da subito una spinta propulsiva all’efficientamento, valorizzazione ed implementazione degli impianti sportivi e alla realizzazione di nuove aree e strutture sportive che potessero essere utilizzate durante un anno intero di eventi, ma anche costituire una fondamentale legacy per la cittadinanza oltre il 2024.

L’amministrazione comunale ha voluto definire un percorso che portasse ad una riqualificazione del patrimonio edilizio sportivo esistente e dalla sua implementazione anche attraverso interventi complessi pronti a esser ultimati nei prossimi anni. Fanno parte di questo progetto i rifacimenti di numerosi manti di campi di calcio a 11, gli interventi di riqualificazione di piscine e palestre, le manutenzioni condotte con il nuovo accordo quadro della Direzione Sport, le riqualificazioni di aree pubbliche ai fini sportivi, le grandi opere PNRR che interessano gli impianti di Sciorba e Andrea Doria e, fiore all’occhiello, l’attesa inaugurazione del nuovo Palasport nel Waterfront di Levante (ex Fiera di Genova).

SPORT E SOSTENIBILITÀ – Genova è una delle tre città italiane (insieme a Milano e Torino) ad aver adottato le linee guida per eventi sostenibili, un’eredità di un altro grande evento sportivo che la città ha vissuto da protagonista: The Ocean Race. Le “Linee guida per eventi sostenibili” si vogliono configurare come una serie di strumenti a supporto degli organizzatori per ridurre l’impatto ambientale che gli eventi portano con sé. Un passo importante con Genova pronta ad essere la candidata ideale per ospitare eventi in cui la sostenibilità è requisito essenziale.

Genova 2024, infine, sarà anche la sublimazione del binomio “Sport e Turismo. Un’occasione imperdibile per partecipare a uno dei numerosi appuntamenti culturali in rassegna, come mostre, convegni, talk e approfondimenti, e per lasciarsi emozionare dalle bellezze di una città ricca di storia, arte e panorami mozzafiato.

Sostengono Genova 2024 Capitale Europea dello Sport: Iren (Main Sponsor), Givova (Silver Sponsor), Banca Passadore e Ignazio Messina & C. (Bronze Sponsor). Sono “Friends of Genova 2024” Edil 2, Banca d’Alba, Villa Costruzioni, SGM Mercato, Amer Steel e Italmatch Chemicals.

Condividi questo articolo