“Genova 2024 Capitale Europea dello Sport” in vetrina all’Olimpico di Roma

0

«Genova ha tutte le carte in regola rappresentare un punto di riferimento nel mondo sportivo, ed essere Città Europea dello Sport per il 2024 è un ottimo modo per dimostrarlo al resto d’Italia e d’Europa – rimarca il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – Un riconoscimento prestigioso che è anche un volano per l’economia e il turismo della città, oltre a rappresentare un’occasione per raccontare la lunga tradizione sportiva genovese e ligure, sia in ambito professionale che dilettantistico. Come Liguria, siamo pronti a raccogliere il testimone nel 2025, quando saremo Regione Europea dello Sport: un “tandem” capoluogo – Regione in campo sportivo che rappresenta anche il successo della collaborazione tra i due enti e l’efficacia degli interventi infrastrutturali e le iniziative di promozione fatti negli scorsi anni». «Si è aperta con un grande successo in termini di partecipazione ed entusiasmo da parte di genovesi e turisti la rassegna di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport che avrà al suo interno oltre 100 eventi in cartellone – dichiara l’assessore Bianchi – La presentazione di giovedì darà una vetrina nazionale al nostro intero progetto per fare conoscere a una platea ancora più ampia le iniziative e soprattutto i valori di una manifestazione lunga un anno, all’insegna dell’inclusività e dell’importanza dello sport come elemento imprescindibile nella vita di ogni persona e come volano economico per il turismo italiano con particolare attenzione alla sostenibilità. Ringrazio, in particolare, i ministri allo Sport Abodi e al Turismo Santanchè che interverranno giovedì: con la loro presenza dimostrano l’importanza di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport e degli eventi a calendario per l’intero sistema Paese».

«Siamo una regione molto sportiva: Genova che ne è capoluogo lo conferma con il titolo di Capitale Europea dello Sport – dice l’assessore regionale allo Sport Simona Ferro – È il miglior viatico che potremmo avere per proiettarci al 2025 quando la Liguria sarà Regione Europea dello Sport. Ci apprestiamo a vivere due annate straordinarie. Questo 2024 è già iniziato alla grande per Genova, ma siamo solo all’inizio di dodici mesi straordinari. Lo sport è agonismo, ma anche sacrificio, rispetto, amicizia, solidarietà, condivisione e cultura. È anche riscatto se pensiamo alle attività paralimpiche. In una regione come la nostra è pure turismo. Questa lunga strada di Genova prima e la Liguria poi Regione dello sport europeo ci impegnerà molto, ma sarà un cammino bellissimo per renderci ancora più orgogliosi del nostro territorio»

Condividi questo articolo