Covid-19 e vaccino: grande partecipazione per il 7° convegno di Medicina dello Sport

0

Si è svolto sabato 3 dicembre il 7° Convegno di medicina dello sport di Genova presso il Tower Airport Hotel.

Il tema di quest’anno, sempre sotto la regia del dottor Cristiano Novelli, è stato “Covid-19 e vaccino: quale impatto sullo sport?” e l’evento ha registrato la presenza, in platea, 100 medici e professionisti sanitari (con crediti  ECM), 50 studenti di scienze motorie (Attività Didattica Elettiva), 20 giornalisti iscritti USSI e a tutti i tecnici, dirigenti, atleti e appassionati di sport che abbiano piacere di arricchire le loro conoscenze in ambito medico-sportivo.

L’attività sportiva ha acquisito e consolidato negli ultimi decenni un ruolo dimostrato e
definito nella prevenzione sanitaria. Questo binomio sport-salute sta diventando e dovrà
essere sempre di più la spinta motivazionale per facilitare l’avvicinamento alla pratica sportiva da parte di soggetti di ogni età in cui talvolta coesistono patologie di differente natura. Tale processo di allargamento della popolazione sportiva comporta un sempre maggior interesseda parte della medicina in tutte le sue branche anche per la necessità di valutare la compatibilità con l’attività sportiva stessa.

Il presente convegno, giunto alla sua 7^ edizione e inizialmente nato per trattare specificamente le discipline sportive di resistenza, si è successivamente allargato a 360 gradi su tutte le attività sportive, trattando di anno in anno tematiche peculiari. Tale approccio include aspetti di vario interesse, ma soprattutto le diverse sfaccettature mediche della pratica sportiva, con un occhio di riguardo all’ambito cardiologico, in particolare alla corretta valutazione di specifiche problematiche sanitarie dell’atleta e alla gestione degli eventuali trattamenti farmacologici in essere (antiipertensivi, antitrombotici, antidislipidemici innovativi e tradizionali, anti-scompenso cardiaco).

L’edizione del 2022 ha rivolto la trattazione a un argomento tanto importante quanto delicato: le complesse relazioni che intercorrono tra il COVID e la pratica sportiva, tematica che è stata affrontata nelle sue multiple declinazioni, compreso il ruolo fondamentale dei vaccini. Sulla scorta di quasi 3 anni di esperienza, abbiamo ritenuto che vi siano ormai adeguate conoscenze scientifiche e gestionali da poter affrontare l’argomento con competenza, equilibrio e prudenza, affidandolo a un panel costituito da personalità di elevato profilo scientifico e umano.

Condividi questo articolo