Studenteschi: una primavera all’insegna della ripartenza

0

Ritorna nella primavera 2022 l’appuntamento con gli Studenteschi. Finalmente, nelle scuole Genovesi e Liguri, ritorna il sapore del confronto e dell’incontro tra studenti e insegnanti di istituti diversi. 

Le Finali Nazionali saranno, sia per le scuole secondarie di i° e II° grado, solo per le seguenti discipline. Atletica leggera (pista), Badminton e Orienteering. si aggiungeranno a settembre per le sole scuole secondarie di II° grado Tennis e Beach volley.

“Sicuramente si è ancora in sofferenza, ma importante è ripartire e fare in modo che ci siano attività a livello di istituto, provinciale e regionale – afferma il coordinatore scolastico regionale Pierpaolo Varaldo – E’ un grande sforzo, da parte degli uffici provinciali e regionale, per riuscire a creare eventi in sicurezza e partecipati da più scuole con l’aiuto concreto di Sport e Salute come partner con le federazioni sportive e con medici e cronometristi/giudici in prima linea”.

Università di Genova ha aderito alla proposta di formare suoi allievi per collaborare sul campo alle diverse discipline previste con Attività Didattiche Elettive mirate allo scopo.

Stelle nello Sport e l’Ufficio Manifestazioni del Porto Antico sono al fianco dell’Ufficio Scolastico Regionale venerdì  20 maggio durante la Festa dello Sport attraverso la possibilità di utilizzare i campi  per una giornata di sport scolastico con finali provinciali e regionali di basket 3×3, volley 3×3, danza sportiva, calcio a 5 ed altre iniziative dedicate alle scuole medie di primo grado iscritte ai campionati studenteschi.

“Una iniziativa unica, una sperimentazione importante in un luogo suggestivo di Genova per ricreare una vera festa dei campionati studenteschi scolastici – procede Varaldo – Grazie a tutti e speriamo di poter anche in questo anno veramente difficile per la scuola in generale e ancor di più per l’educazione fisica riportare un po’ di serenità e voglia di muoversi”.

Varaldo, infine, puntualizza. “Mancano molte discipline, ma il tempo molto risicato non consente di sviluppare altre discipline e si sono scelte quelle con più adesioni da parte delle scuole. Ci saranno meno finali regionali anche a causa di una situazione delle autostrade e strade liguri che non permettono di programmare trasferte delle scuole in quanto gli orari non sarebbero comunque rispettati con un aggravio notevole per studenti, scuole ed organizzazione. Come sempre un occhio di riguardo è stato dato all’effettuazione di gare per i ragazzi/e diversamente abili che saranno presenti a tutte le manifestazioni previste con il supporto del CIP. Grazie a tutti i colleghi che collaboreranno ed ai Dirigenti Scolastici che daranno il loro benestare a queste iniziative”. 

Condividi questo articolo