EcoEridania: un aiuto “insuperabile” alle Stelle nello Sport

0

Il Gruppo EcoEridania è vicino a Stelle nello Sport da diversi anni. “Griffa” il Trofeo riservato al Rossoblucerchiato dell’anno, ma soprattutto sostiene in modo importante e concreto tutte le iniziative dedicate alla Gigi Ghirotti con un contributo diretto davvero prezioso.

Con EcoEridania condividiamo tutte le belle iniziative promosse sul territorio. Siamo orgogliosi di essere al loro fianco ogni anno nella straordinaria Cena di Natale, evento che ha permesso al Gruppo del patron Andrea Giustini di devolvere oltre 2 milioni e mezzo di euro in soli 10 anni di iniziative.

Condividiamo con loro le attività per la Gigi Ghirotti e il Gaslini, quelle a fianco di “Tutti per Atta” e da oggi quelle che verranno promosse dalla “neonata” Fondazione Ecoeridania Insuperabili. Di cosa si tratta? Lo racconta in prima persona Andrea Giustini.

Fondazione Ecoeridania Insuperabili

Mi chiamo Andrea Giustini, sono nato il 13 marzo di qualche anno fa, confesso che ho visto e festeggiato la vittoria del mondiale di calcio del 1982, al gol di Tardelli piangevo. Nel 1988 ho cominciato la mia carriera da imprenditore, insieme a mia sorella Rossella, abbiamo dato vita ad Ecoeridania, ero pieno di entusiasmo, passione e come ogni ragazzo avevo voglia di spaccare il mondo.

Da quel giorno ho sempre lavorato con dedizione, determinazione, etica e soprattutto grande rispetto per tutto e tutti. Lavorare nel mondo dei rifiuti non è sicuramente facile, il mio lavoro consiste nella raccolta e smaltimento di rifiuti sanitari, e da qualche anno anche di rifiuti industriali. La mia fortuna, che è stata anche la svolta, è stata quella di avvicinarmi al mondo della finanza.

Ho raccontato la visione futura della mia azienda ed ho trasformato un appuntamento che mi dedicava 20 minuti, in una giornata straordinaria, che ricorderò per tutta la vita, si perché questi 20 minuti si sono trasformati in 8 ore, mi stavo approcciando al mondo dei fondi d’investimento.

Oggi sono il presidente del Gruppo Ecoeridania leader in Italia nei servizi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti di origine sanitaria e industriale. Nel 2011 sentivo la necessità di comparare la mia “fortuna imprenditoriale” con un settore fondamentale e molto importante la beneficenza. Accadde un evento che mi colpì molto, l’alluvione nei comuni di Monterosso e Vernazza, quella necessità cominciò ad essere una realtà, fu la mia prima donazione.

Da quel giorno in poi le donazioni e le cause sposate cominciarono ad essere molte, mi sono preso la responsabilità di raccogliere fondi da amici, fornitori e dipendenti e, così arriviamo ad oggi. Il Covid19 ci ha profondamente colpito, per molte famiglie sono venute meno la certezza del lavoro e la possibilità di sostenere la propria famiglia, oltre purtroppo la perdita di parenti ed amici.

CREDO fortemente che si debba sempre pensare al prossimo e a chi vive nelle difficoltà. Vengo a conoscenza di una Onlus dal nome ambizioso e direi anche spavaldo, “INSUPERABILI”, chiedo di approfondire, mi viene presentata, guardo un loro video, non posso ripetere la mia esclamazione! Di cosa si tratta? Ora ve lo racconto…

Attraverso il calcio il Progetto mira a garantire la crescita e l’integrazione di bambini, ragazzi e adulti di sesso sia maschile che femminile con disabilità intellettive, relazionali, motorie e comportamentali, all’interno della società. Individuando in questo sport uno strumento di socializzazione e integrazione che con il divertimento e l’allenamento può portare miglioramenti al livello di salute psico-fisica, alla soddisfazione personale e più in generale alla qualità della vita del singolo atleta.

In linea con quanto espresso nella “Convenzione ONU sui diritti delle Persone con Disabilità (2007)” Insuperabili ha nel suo core business l’obiettivo di “far vivere ai Dilettanti esperienze da Professionisti”, attraverso una filosofia che si fonda sulla voglia di mettersi in gioco e migliorarsi giorno dopo giorno, seguendo i principi etici di lealtà, sportività e correttezza; trasmettendo così passione ed emozione ai propri atleti e a chi li circonda.

L’aggregazione è stato un altro tassello importante nella nostra crescita e provo ad applicare lo stesso metodo con gli Insuperabili. Ci incontriamo ed in poco tempo troviamo un accordo, è deciso insieme siamo diventati: Fondazione Ecoeridania Insuperabili.

Condividi questo articolo