Regione Liguria vicina alle società sportive. Assessore Ferro: “Grazie a tutti gli operatori dello Sport”

0
146

“Mi è sembrato giusto dire pubblicamente grazie a tutte le società sportive che in questi mesi hanno saputo resistere in maniera straordinaria. In questi mesi ho visto e sentito la loro sofferenza e più volte ho espresso il rischio di perdere una generazione di sportivi oltre che l’humus su cui si fondano che è appunto il mondo delle ASD e SSD oltre che palestre e piscine. Oggi vediamo un barlume di speranza che timidamente rischiara il buio dei mesi precedenti, ma se non perderemo nessun atleta e se non verrà disgregato il mondo dello sport lo dobbiamo alla passione di chi ha lottato affinché il peggio non avesse il sopravvento” così spiega il senso del suo grazie l’assessore Simona Ferro espresso oggi sulla propria pagina Facebook.

Regione Liguria è sempre stata vicina al mondo dello sport per quanto fosse possibile e l’assessore Simona Ferro ha voluto tributare il doveroso grazie a chi ha resistito nonostante tutto.

Questo è il testo integrale del post:

“In questi mesi in cui ho girato la Liguria per parlare, ma soprattutto ascoltare il mondo dello sport ho potuto comprendere un settore che aveva delle forti, fortissime, difficoltà. Palestre e piscine erano al collasso, molte società sportive vicine al dover chiudere, ma soprattutto nessuna speranza di un futuro.

Per la prima volta da mesi invece sento che qualcosa sta cambiando, con la riapertura delle piscine al chiuso si è completata la possibilità per tutte le attività di essere aperte e quindi c’è una timida speranza che riaffiora.

Dopo mesi di buio vedo che il mondo dello sport ha una piccola e lieve fiammella di speranza e allora volevo dire un grazie a voi tutti operatori dello sport, allenatori e imprenditori, atleti e semplici amatori, società sportive dilettantistiche così come le grandi squadre strutturate avete tenuto duro ed avete avuto il coraggio di non mollare. Come tutti gli sportivi avete gareggiato e state gareggiando per una delle più importanti gare dello sport: la sua sopravvivenza”.

Condividi questo articolo