Tommaso Castello all’IC Santa Margherita Ligure: “Inseguite il vostro sogno”

0
688

“Una Classe di Valori”, una delle iniziative promosse da Stelle nello Sport e dedicate al mondo della Scuola, ha raggiunto anche gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Santa Margherita Ligure.

Il rugbysta Tommaso  Castello ha risposto a tutte le domande riguardanti la sua carriera agonistica e la sua vita personale. L’amore per Genova, città che non dimentica pur vivendo ora a Parma. La passione per lo Sport e per il Rugby, nata guardando in televisione il Mondiale 2003. “Il Rugby dà la possibilità a tutti di parteciparvi. Se uno è piccolo deve esser veloce. La parte fisica è predominante ma non è l’unica cosa che conta”.

L’emozione di aver calcato i “templi” del rugby mondiale. Far parte della Nazionale di una delle discipline più amate dal pubblico. Lo sport e lo studio possano procedere di pari passo Laurea in Scienze Motorie a Pavia, ora studia Ingegneria Meccanica a Parma dove adesso vive.

“Al CUS Genova, dal mio esordio (2003) al 2011 (anno del passaggio a Calvisano) ho ricordi molteplici e fantastici. L’adolescenza ti forma caratterialmente.  Da 10 anni vivo fuori da Genova ma ho mantenuto le amicizie con i miei ex compagni di squadra. Di Calvisano ricordo l’eccitazione dell’idea di continuare a percorrere il mio sogno. Delle Zebre non posso non citare il massimo livello professionale: dalla preparazione allo studio delle partite”. 

Il momento più bello “sarà quanto potrò tornare nuovamente a calcare il campo da gioco per una partita. Lavoro da molto tempo solo n funzione di questo”. Castello sostiene che “cattiveria agonistica e determinazione sono la mia arma in più. Terzo tempo è emblema nel rugby ma quando si è più giovani lo si vive in maniera più intensa. Ricordo le mamme che ci preparavano da mangiare per la fine della partita: un momento di condivisione importante tra giovani di squadre diverse. E il Rugby, a livello di ospitalità, è tutta un’altra cosa rispetto a molti altri sport. A Cardiff, nel 2018, ci venne a prendere la polizia a cavallo con la gente che ci scortava ai lati. A Edimburgo, ci accolsero con il suono della cornamusa”. 

Tutti i progetti per la Scuola di Stelle nello Sport sono visibili su www.stellenellosport.com/scuola/

Condividi questo articolo