Coronavirus: ecco l’ordinanza di Regione Liguria sul tema

0
434

La Regione Liguria ha disposto con ordinanza la chiusura di scuole e musei fino al primo marzo a partire dalla mezzanotte di lunedì 24 febbraio. Sospese le manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico, sospesi i viaggi di istruzione e i concorsi pubblici.

In Liguria scuole di ogni ordine e grado chiuse per una settimana. Manifestazioni pubbliche sospese (ovviamente anche la presentazione di Stelle nello Sport in Sala Trasparenza). Musei chiusi. Indicazioni particolari per il personale sanitario. Obbligo, per chi proviene dalle aree a rischio oggetto di provvedimenti restrittivi (i comuni chiusi del lodigiano e del padovano) di comunicare al dipartimento di prevenzione della Asl competente il loro ingresso in Liguria negli ultimi 14 giorni.

Sono queste le misure dell’Ordinanza regionale firmata questa sera dal governatore ligure Giovanni Toti, condivisa con il dipartimento di Protezione civile. Per quanto riguarda le scuole è stato precisato che la sospensione vale per i servizi didattici; il personale invece lavorerà regolarmente. E viene specificato che l’obbligo di comunicazione al dipartimento di prevenzione si applica anche a chi arriva dalla Cina e da altre zone del mondo di conclamato contagio.

«Non abbiamo casi conclamati di Coronavirus in Regione Liguria – ha detto il governatore ligure Giovanni Toti – ma abbiamo un certo numero di soggetti in isolamento fiduciario monitorato dal sistema sanitario. Non facciamo il tampone a tutti perché non sarebbe utile in assenza dei sintomi». «L’ordinanza si basa sulla volontà di evitare contagi. Misura principale è la chiusura di scuole, concorsi e formazione professionale», ha aggiunto Toti.

«Vietate le manifestazioni pubbliche sportive e non. Chiusi i musei le biblioteche e le mediateche. In più una serie di provvedimenti relativi all’area medica», ha spiegato anche Toti. «L’obbligo per tutti coloro che siano provenienti dalle aree considerate a rischio è di contattare l’112 o le strutture sanitarie. E verrà attivata la vigilanza».

Clicca qui per l’ordinanza ufficiale di Regione Liguria. Sono vietati gli eventi mentre la normale attività all’interno di Circoli, Palestre e Impianti sportivi è lasciata alla discrezionalità dei gestori.

Clicca qui per la nota esplicativa del 25 febbraio in merito all’attività presso gli impianti sportivi in Liguria. In merito agli eventi sportivi “sono consentite le ordinarie attività sportive, sempre che non abbiano le caratteristiche della manifestazione pubblica. Sono quindi sospesi tornei, eventi e gare con presenza di pubblico. Gli impianti sportivi pubblici e privati potranno essere utilizzati a porte chiuse, cioè senza la presenza di persone che non partecipino direttamente all’attività sportiva“.