Unicef festeggia a Genova il 30esimo della Convenzione ONU sui Diritti

0
433

Sindaci di tutti: avversari politici, di chi fornisce loro la maggioranza, di tutti i cittadini; ma soprattutto Sindaci di tutte le bambine e di tutti i bambini. È in questa filosofia di vita che invitiamo i 234 sindaci dell’intera Regione Liguria a partecipare alle iniziative UNICEF, sostenute anche da Stelle nello Sport, e soprattutto ad “allearsi” con i cittadini più piccoli, per costruire città a misura dei bambini.

Il 30esimo Anniversario della Convenzione prevede una lunga serie di iniziative, ciascuna delle quali intende dare spazio alla creatività di bambini, ragazzi ed adolescenti.

Si inizia domenica 27 ottobre con la 16° “Bike for UNICEF”, che partirà dalla storica piazza Tazzoli a Sestri Ponente dov’è previsto il ritrovo dei partecipanti dalle 8:00 alle 9:15. Alle 9:30, alla partenza per un percorso ciclo-turistico ad andatura controllata, che si snoderà attraverso Via Cornigliano, Via Sampierdarena, Via Milano, Piazza Fontane Marose, Via XXV Aprile, Piazza De Ferrari, Via XX Settembre, Viale Brigate Bisagno, Viale Brigate Partigiane, Strada Aldo Moro (SOPRAELEVATA), Uscita Sopraelevata Sampierdarena (Via Buranello), Via Siffredi, Via Albareto, Via Puccini, Via Travi, Largo Fausto Coppi, Piazza Baracca dove vi è posto l’arrivo.

“Dai, montiamo tutti in bicicletta”, afferma Franco Cirio, Presidente UNICEF Liguria, ad indicare un invito ed un titolo alla manifestazione. “Sarà bello esserci in tanti – afferma il Presidente Cirio – per rendere onore a questi fantastici volontari che con caparbietà e determinazione sono giunti alla 16esima “Bike for UNICEF”. Ed ogni volta è un’emozione vedere questo sciame colorato per le strade di Genova e ogni pedalata è una spinta all’affermazione della centralità dell’essere umano più debole, la prima vittima di ogni ingiustizia. Il 30esimo anniversario della storica approvazione della Carta dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza è il più bel regalo dell’UNICEF a tutti i bambini del mondo. Appare commovente ripensare ai sogni che avevamo riposto, alle speranze, direi alle certezze che intorno alle bambine e ai bambini la Comunità mondiale si sarebbe stretta con l’unico obiettivo di costruire un mondo più giusto”.

“Dai, vediamoci in tanti……non inquina neppure”, potrebbe essere lo slogan che invita a partecipare in molti!