Ervis Lala e la Boxe. “Adrenalina e disciplina”

0
1229

Sportivi Junior del 2013: Lala, Ciampolini, Perroni
Sportivi Junior del 2013: Lala, Ciampolini, Perroni

Un giovane prestante, robusto, energico ma anche un ragazzo molto disponibile, volenteroso e pieno di grinta, che con la fatica si è guadagnato un proprio spazio, vincendo numerosi incontri di pugilato.  Di origine albanese, da tempo trasferitosi a Genova, è sicuramente motivo di orgoglio presso la sua palestra, la Celano Boxe di Genova Cornigliano, ove ha partecipato a numerosi tornei. Al suo palmares va aggiunto il riconoscimento di “Sportivo Ligure Under 18 Stelle nello Sport”.

Anzitutto grazie per la cortesia della tua risposta; Conosci già il progetto di Stelle nello Sport. Come valuti l’attività di questo progetto?
“Conosco già il progetto di Stelle nello Sport. Ho già partecipato due volte, la prima volta nel 2013 ho conquistato il primo posto. Mi sembra un ottimo modo per fare conoscere tanti sportivi”. 

Vorrei conoscere un po’ la tua storia e perché hai iniziato questo sport.
“Sono nato in Albania e sono arrivato in Italia  nel settembre del  2007 con la mia famiglia. Dopo 5 giorni ero già a scuola. All’inizio avevo molta difficoltà ma con l’aiuto dei miei compagni (con cui anche adesso sono sempre in contatto) sono riuscito a trovarmi bene. Ho iniziato la boxe anche per questo, per fare nuove amicizie, ma poi è diventata una passione. Purtroppo prima non potevo partecipare ai tornei nazionali e per colpa di ciò ho mollato per un periodo la boxe. Poi ho partecipato a un torneo a Rimini in cui potevano partecipare anche i migliori stranieri, dove ho partecipato nella categoria 69 kg e ho vinto il torneo! Successivamente l’anno dopo ci ho provato a Napoli dove ho perso la finale contro il campione Italia. Questo perché sul punteggio di 14/14 i giudici hanno dato la preferenza a lui, essendo campione in carica.. Poi per un periodo ho sempre combattuto fuori casa; Sono andato molte volte in Francia e Monaco, a Nizza, Mentone e in Svizzera. Adesso mi sto preparando per combattere con la mia palestra, vogliamo organizzare un incontro a Sestri Ponente, il quartiere dove abito, speriamo per quest’estate. Sono 10 anni che lo pratico e ho fatto 50 incontri”.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
“Adesso finalmente posso partecipare ai campionati italiani che farò a novembre. Per il futuro il primo passo è diventare professionista da gennaio, poi con Enzo e Paolo Celano che sono i miei maestri valuteremo le cose. Il mio obiettivo è diventare campione italiano”.

Come si svolge il tuo allenamento? E la tua giornata tipo?
“Mi alleno 5 – 6 volte alla settimana dalle 2 fino alle 4 ore. Quando bisogna prepararsi per un incontro l’allenamento diventa un po’ più duro mattina e sera, la mattina si va sempre a correre e alla sera si fanno guanti in palestra”.

Fare attività fisica a questi livelli ha comportato a delle rinunce?
“Praticare questo tipo di sport porta ad alcune rinunce sopratutto quando c’è un incontro importante rinunci a qualche serata con gli amici a ballare o devi stare molto attento a quello che mangi. Con la scuola mi aiuta molto, sono più concentrato, sono al primo anno di università a Genova dove studio Scienze Politiche”. 

Ti capita di divertirti durante le tue trasferte?
“Praticando questo sport conosci molta gente, viaggi molto e di conseguenza il divertimento non manca sopratutto quando si fanno le trasferte fuori che capita di stare dei giorni”.

Ci offri la tua percezione del mondo della Boxe? Quale rapporto con la Scuola?
“L’anno scorso era iniziata un iniziativa con la Federazione Pugilistica Ligure per fare conoscere la boxe nelle scuole e al posto dell’educazione fisica fare conoscere la boxe. Io ho partecipato in tutte le scuole  che hanno aderito a questa iniziativa; parlavo molto con i ragazzi, mi scrivevano in privato, mi chiedevano consigli per iscriversi in palestra. Ho fatto più di 100 ore di lezione con più di 500 ragazzi e la cosa grave è che più della metà non frequenta nessuno sport! A Genova ci sono circa 20 palestre di boxe, più o meno una in ogni quartiere, io mi alleno alla Celano Boxe che si trova a Cornigliano.  Abbiamo circa 30 bambini che si allenano da noi 3 volte alla settimana; fanno la corda, circuiti, percorsi al sacco e guanti senza contato. L’età giusta per iniziare è intorno ai 10 anni, poi a 13 anni si inizia con i combattimenti ufficiali, io a 14 anni ho iniziato con i combattimenti ufficiali. La boxe si può fare a qualsiasi età, è uno sport completo che ti aiuta molto. Io consiglio a tutti di praticare la boxe soprattutto ai giovani, é uno sport che richiede una disciplina molto particolare. Da un po’ di anni hanno fatto la light boxe; sono dei combattimenti che si possono fare senza contato, solo tecnica, dai 13 anni fino ai 60, è un ottima cosa per fare sentire l’adrenalina del ring. La Celano Boxe aiuta anche gli atleti disabili in palestra; abbiamo ragazzi con problemi fisici ma che si allenano a fare pugilato. Alla fine la boxe si puoi fare anche per divertimento. Per me è una passione e uno stile di vita”.

Viviamo in un mondo sempre più connesso e ogni successo, ogni risultato in qualsiasi punto del globo ci giunge immediatamente. Com’è il tuo rapporto con i social?
“Io uso molto Instagram e poco tempo fa usavo molto anche Facebook che aprirò di nuovo tra poco perché lo trovo un ottimo modo per farsi conoscere, sei connesso con tutti il mondo, sai tutto quello che succede in diretta, i social sono un ottimo modo di fare comunicazione”.

AV