Il grande Judo giovanile a Genova con il Città di Colombo

0
786

Questa mattina, nella suggestiva cornice offerta dal Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, si è svolta la presentazione del 27° Torneo Internazionale di judo “Genova Città di Colombo”,

L’evento, anche quest’anno patrocinato da Stelle nello Sport per il suo grande valore nella promozione dello sport giovanile,  convoglierà a nella nostra città oltre 1200 atleti da tutto il mondo. Il nostro staff interverrà al 105 Stadium nella giornata di domenica per riprendere gare e premiazioni oltre a intercettare le emozioni dei protagonisti.

Uno degli eventi sportivi più grandi della nostra città, come al solito organizzato dallo staff del Judo Marassi guidati dal padre di questo torneo, Rosario Valastro. A partire da venerdì 24 aprile, il 105 Stadium ospiterà atleti provenienti da tutta Italia, ma non solo. Ci saranno anche ragazzi in arrivo da Spagna, Francia, Romania, Ungheria, Belgio, Olanda, Stati Uniti, Svizzera, Malta e Russia.

È proprio Valastro ad aprire la conferenza, esprimendo tutta la soddisfazione per aver raggiunto numeri così soddisfacenti: “È incredibile essere arrivati alla 27° edizione di questo torneo. Dobbiamo veramente ringraziare tutti quelli che ci aiutano, in particolare i genitori del Centro Sportivo Marassi. Quest’anno abbiamo raggiunto il top, con le iscrizioni che hanno raggiunto quota 1280 e continuano a salire. Mi aspetto 5 mila persone nel weekend per assistere a questo torneo, con gente da ogni parte d’Italia e non solo. Ci saranno tantissime società presenti dall’estero e questo ovviamente aumenta lo spessore della competizione. Nessun’altro evento sportivo raggiunge questi numeri a Genova”.

Qualche parola anche dall’assessore comunale allo sport Pino Boero: “Bisogna che la nostra città si tenga stretta Valastro e questo torneo che sono un esempio di dedizione ed entusiasmo. Rosario è una persona che guarda sempre al futuro, alle cose che non sono ancora state fatte, e Genova ha bisogno di persone così. I numeri e il carattere internazionale della manifestazione dimostrano come sia una grande occasione per la città. Una manifestazione che fonde giovani e sport, insieme alle loro famiglie, che potranno godersi la nostra bellissima città in splendide giornate primaverili. La Liguria è una terra di bellezze e di sport, un binomio che faremo bene a non dimenticare”.

Infine interviene l’assessore allo sport della Regione Liguria, Matteo Rossi: “Questa manifestazione organizzata da Rosario Valastro è un valore aggiunto, soprattutto per i numeri che è in grado di ottenere dall’Italia e dall’estero. Dimostra anche che alle organizzazioni piace venire a Genova e in Liguria. Spesso l’abbiamo spuntata nei confronti di altre regioni perché abbiamo un territorio stupendo di cui spesso non siamo consapevoli. Ci sono tanti patrimoni da difendere e sostenere, il “Città di Colombo” è uno di questi”.

Si ricorda anche la sinergia con Stelle nello Sport nel promuovere lo sport giovanile sul territorio ligure, con la possibilità di sfruttare la due giorni di judo per scattare bellissime foto per il concorso dedicato a Carlo Antonio Nicali. Sull’indimenticato presidente del Coni Genova concordano tutti nel definirlo: “Una grande persona prima di tutto, che ti spronava sempre ad andare avanti nonostante li difficoltà e che credeva nei valori umani”.

Dice la sua sulla manifestazione anche il delegato del Coni Genova, Antonio Micillo: ”Con Rosario Valastro ci conosciamo da anni, è doveroso ringraziarlo perché lui rappresenta il volontariato genovese e ligure. Fare questo genere di manifestazioni è più difficile qui che in altre città, ma finché ci sarà gente come Rosario potremo ottenere grandi risultati.”

L’appuntamento è quindi per sabato 25 e domenica 26 al 105 Stadium di Genova. Le gare, sostenute anche quest’anno da Banca Carige, andranno avanti dalle 8 alle 20 alla presenza del selezionatore Luigi Guido e dei membri dello staff della nazionale giovanile Sandro Piccirillo e Laura Di Toma. Si spera in una grande affluenza di pubblico (l’ingresso è gratuito) per dimostrare ulteriormente come Genova sia una città di sport.

Simone Bernardo